Vittoria del Codacons Salerno: il colosso nazionale non ha mai portato a termine la realizzazione di impianti fotovoltaici

Scritto da , 22 Luglio 2020
image_pdfimage_print

Il colosso Nwg dovrà sborsare 2.490 euro per le caparre trattenute illecitamente per la realizzazione di impianti fotovoltaici mai costruiti. Vittoria del Codacons Salerno che ha portato in causa il colosso leader del mercato fotovoltaico domestico. Provvedere al fabbisogno energetico delle proprie abitazioni attraverso il ricorso all’impianto fotovoltaico è una scelta da lodare e sostenere o almeno da non utilizzare come ulteriore inganno per i consumatori che decidono di intraprendere una scelta responsabile nei confronti dell’ambiente. Molti cittadini di diversi comuni cilentani si erano affidati alla società N.W.G spa che aveva garantito loro, a fronte di ben Euro 2.490,00 di anticipo, l’istallazione dell’impianto fotovoltaico ad uso privato. La N.W.G, però, non aveva ben considerato il parere della Sovraintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Salerno e di Avellino che non hanno ritenuto possibile l’istallazione degli impianti. Dinanzi ad un palese caso di mancata realizzazione dell’impianto ci si sarebbe aspettati la restituzione degli elevati importi di acconto. Così non è stato. La N.W.G illegittimamente ha trattenuto le somme degli utenti respingendo qualsivoglia reclamo da essi presentato almeno fino alla decisione del Tribunale di Salerno. L’avvocato Matteo Marchetti, vice segretario nazionale del Codacons parla di importanza risultato: la sentenza numero 575/2020 pubblicata il 10/02/2020 pronunciata dal dottor Porpora del Tribunale di Salerno ha accolto la prima richiesta di rimborso. «Questa sentenza è una vittoria per tutti coloro che hanno anticipato caparre per la realizzazione di pannelli solari – ci spiega Marchetti – perché viene riconosciuto il diritto alla restituzione delle somme ver- sate; era stato previsto un corrispettivo pur in assenza di alcuna utilità e inserito in una proposta contrattuale unilaterale e con caratteri estremamente ridotti come rilevato dal giudice. A tutti coloro che siano stati vittima di simili situazioni l’avvocato rassicura “è un’importante sentenza in quanto apre la strada a tante azioni di restituzione in tutta Italia”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->