Viaggio dentro l’intelligence italiana

di Monica De Santis

Sarà presentato questa mattina presso la sala stampa della Camera dei deputati, il libro “Intelligence collettiva – Appunti di un Ingegnere rapito dai Servizi Segreti”, scritto dal parlamentare salernitano ed ex sottosegretario di Stato alla Difesa, Angelo Tofalo. Il volume edito dalla Fondazione Margherita Hack svela in modo semplice ed intuitivo la storia, la struttura e i ruoli di un apparato che si occupa di fornire al decisore politico il più prezioso degli strumenti: l’informazione. Il testo raccoglie i contributi di professionisti che a diverso titolo si sono occupati di “Intelligence” e che possono descrivere, attraverso esperienze vissute, le dinamiche che si celano dietro le articolazioni dello Stato che compongono il Sistema di Informazione per la Sicurezza della Repubblica. Un mondo affascinante, conosciuto a tutti come “Servizi segreti”. Il libro vuole essere un aiuto per il lettore, con un approccio didattico, a comprendere l’importanza strategica di un potentissimo strumento che si è dovuto adattare nel tempo ad un contesto molto più complesso fatto di intricate relazioni globali. Difendere il Paese dalle minacce interne ed esterne vuol dire preservare i valori fondanti della nostra democrazia e difendere la sovranità politica dagli appetiti mondiali. “Questo libro è il frutto di relazioni, studi, convegni, tavole rotonde, interviste e dialoghi che hanno arricchito la mia esperienza politica ed istituzionale. – spiega Angelo Tofalo – Ho voluto creare un progetto editoriale per consentire a tutti, in particolar modo a chi non ha una solida cultura di settore, di comprendere rapidamente quanto per un Governo e per un Paese sia di vitale importanza poter disporre degli strumenti tipici del mondo dell’Intelligence. – prosegue ancora il parlamentare salernitano – Offrire ai cittadini delle letture semplificate di apparati complessi vuol dire aiutarli a comprendere meglio le azioni che possono destabilizzare o rafforzare le nostre istituzioni e renderli parte attiva di un processo di crescita collettiva. Intelligence Collettiva è un progetto divulgativo che ho creato con l’obiettivo di rafforzare il Sistema Paese nel suo insieme. Se vogliamo contribuire alla costruzione di un nuovo modello di sicurezza partecipata dobbiamo connettere maggiormente i tre nodi che rappresentano le principali dimensioni espressive dell’attività umana: il cittadino, lo Stato e l’azienda. Il primo libro, edito dalla Fondazione Margherita Hack, inaugura un progetto di più ampio respiro su un settore che ritrae temi di importanza strategica e che, a mio avviso, non ha mai trovato un adeguato spazio di espressione nella dimensione specifica della ricerca di un pubblico più ampio. – conclude Tofalo – Limitare nozioni così importanti agli addetti del settore sarebbe un peccato veniale che non possiamo permetterci se vogliamo costruire un Paese più consapevole sulle dinamiche che ne determinano gli interessi più profondi”. La Fondazione con i ricavi avvierà un progetto di catalogazione di 18.000 tra volumi, libri e appunti prodotti dall’altrofisica e accademica Margherita Hack e da suo marito Aldo De Rosa.” Aggiunge Marco Santarelli, direttore scientifico della Fondazione Margherita Hack.