Venditori ambulanti pronti a far ricorso al Tar di Salerno

Scritto da , 21 Novembre 2019
image_pdfimage_print

di Erika Noschese

Potrebbe finire dinanzi ai giudici del tribunale amministrativo regionale la vicenda che coinvolge gli ambulanti salernitani, in possesso di regolare licenza per svolgere la loro attività in città. Dopo il “no” dell’amministrazione comunale che, di fatto, ha negato il sottopiazza della Concordia agli ambulanti e dopo l’incontro con l’assessore al Commercio Dario Loffredo nulla è stato fatto. Nei giorni scorsi però i venditori ambulanti in possesso di regolare licenza hanno chiesto all’amministrazione comunale di poter utilizzare lo spazio di fronte al bar Canasta, soprattutto in questo periodo di Luci d’Artista dove l’affluenza è maggiore e avrebbero la possibilità, di conseguenza, di lavorare di più. L’amministrazione comunale, dal canto suo, ha bocciato anche questa proposta, suscitando l’ira dei lavoratori che sembrano intenzionati a fare ricorso al Tar di Salerno per far valere le loro ragioni. Di fatto, in un primo momento, il Comune aveva individuato quale luogo per svolgere la loro attività lavorativa la zona di Mercatello. Ipotesi rifiutata dagli ambulanti in quanto, soprattutto nel periodo natalizio, la zona orientale è poco frequentata e, di conseguenza, non avrebbero riscontro economico. L’assessore Loffredo, dal canto suo, ha più volte ribadito che non ci saranno più i mercatini ambulanti sul lungomare di Salerno, che presto potrebbe essere al centro di un intervento di riqualificazione, per restituire alla città capoluogo uno dei suoi fiori all’occhiello. Al momento però tutte le ipotesi avanzate dagli ambulanti sembrano essere state scartate dall’amministrazione Napoli, impegnata a cercare soluzioni alternative che possano andar bene agli stessi ambulanti che però non vorrebbero allontanarsi dal centro cittadino dove vi è sempre un maggiore afflusso di visitatori e turisti.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->