Usura ed estorsione: in manette Giuseppe e Angelo Di Fiore

Scritto da , 2 Febbraio 2020
image_pdfimage_print

di Pina Ferro

Con l’accusa di usura ed estorsione sono finiti in manette Giuseppe Di Fiore e Angelo Di Fiore (padre e figlio) già noti alle forze dell’ordine. Ad ammanettarli sono stati i carabinieri della stazione di Agropoli Gli arresti derivano dalla mirata attività di indagine svolta dai Carabinieri di Agropoli sotto il coordinamento della  Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vallo della Lucania, grazie alla quale è stato  possibile ricostruire il giro di affari illecito tenuto dai due agropolesi. Sequestrati nell’ambito  dell’indagine 7mila euro in contanti, copie di assegni e svariati appunti tenuti a mano per rendicontare i crediti vantati. Il profitto era più che triplicato in confronto alla somma iniziale data in  prestito, minacce ed estorsioni assicuravano l’incasso. L’indagine nasce dalle informazioni rese ai Carabinieri da un cittadino, circa le minacce subite da un’altra persona. I due arrestati si trovano  ora presso la casa circondariale di Vallo della Lucania, presso cui sono stati tradotti dai carabinieri di Agropoli.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->