Una cena solidare per non far morire i ristoratori

Scritto da , 31 Ottobre 2020
image_pdfimage_print

di Monica De Santis

Tovaglie nere, con piatti rovescia e lumini accessi. Così i ristoratori salernitani hanno protestato nuovamente, ieri sera alle 19 in piazza Amendola. Con una “Cena di libertà” che poi in realtà non si è svolta, i ristoratori dinanzi al palazzo della Prefettura e a due passi dal Comune, gli operatori commerciali hanno allestito una simbolica tavolata listata a lutto con tanto di tovaglie nere e lumini. “Ci vuole dare il Conte…ntino’ e ‘Con…te falliro”, alcuni dei cartelloni esposti.

L’articolo completo sull’edizione digitale di oggi

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->