Un romanzo per affrontare il tema dell’Italsider

Scritto da , 31 Marzo 2019
image_pdfimage_print

Un romanzo per affrontare una tematica dibattuta e controversa come l’Italsider di Bagnoli. Nato “dall’esigenza di raccontare una storia”, come spiegato da Gigi e Ross, il duo di cabarettisti che lo hanno ideato come una sceneggiatura e poi diventato un libro, “La maledizione dell’acciaio”, scritto da Oreste Ciccariello. Libro presentato ieri al Mondadori Book Store del centro commerciale La Fabbrica che ha visto come moderatore Lorenzo Forte, presidente del Comitato Salute e Vita. Insieme agli autori, Ivan Romano, fotoreporter, Francesco Morra, sindaco di Pellezzano, Paolo Fierro, medico e vice presidente dell’Associazione Nazionale Medicina Democratica e Antonio Di Giacomo, vicepresidente del Comitato Salute e Vita. Il tema della bonifica dell’area dell’ex Italsider a Bagnoli, nodo ancora oggi irrisolto nella città di Napoli, affrontato nel romanzo attraverso la storia del protagonista che dopo la scomparsa del padre, operaio dell’acciaieria, per una patologia ascrivibile all’attività dell’impianto, decide di combattere quello che viene definito “il mostro” attraverso lo studio e la laurea in medicina per entrare, con risvolti inaspettati e imprevisti, nella commissione di bonifica dell’Italsider, si intreccia con la vicenda della delocalizzazione delle fonderie Pisano a Salerno, una battaglia che il Comitato Salute e Vita porta avanti da anni. Come testimoniato anche dall’intervento del primo cittadino di Pellezzano, comune che vive in prima linea la problematica legata all’attività delle fonderie.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->