Troiano, stavolta è fatta per davvero

Scritto da , 26 Luglio 2013
image_pdfimage_print

Troiano-Salernitana, ci risiamo. Dopo una settimana di contatti, smentite, colloqui telefonici e trattative prima interrotte e poi ad un passo dalla conclusione, il presidente Lotito ha preso in mano la situazione contattando personalmente il procuratore, Sidella, per chiudere l’affare e mettere a disposizione del tecnico il forte centrocampista ex Sassuolo già entro l’esordio ufficiale in coppa Italia previsto per il prossimo 4 agosto. Salvo colpi di scena, la trattativa andrà in porto sulla base di un triennale a cifre di poco inferiori ai 100mila euro, una proposta che ha convinto l’entourage del calciatore dopo una prima fumata nera dovuta proprio alla distanza tra domanda ed offerta. Il giocatore, in realtà, avrebbe firmato per la Salernitana già la scorsa settimana, ma l’addio di Perrone ed il cambio di allenatore hanno indotto Troiano ad una pausa di riflessione, con Padova, Ternana, Carpi e Perugia in pressing, ma da sempre considerate seconde scelte. “Siamo vicini ad un accordo” ha confermato Sidella “Lotito vuole Troiano, proprio ieri l’allenatore ha comunicato al presidente che il giocatore interessa moltissimo e l’ambiente sta dimostrando entusiasmo, ci sono tutte le condizioni affinché l’affare vada in porto. La trattativa prosegue, Lotito ha proposto un triennale ed il calciatore è allettato dalla possibilità di vestire la maglia granata, attendiamo novità nei prossimi giorni”. Parallelamente, Mariotto sta portando avanti anche la trattativa per Mancini: a Verona è fuori rosa, Padova e Benevento sono piste più fredde, la sensazione è che entro metà agosto l’ex Taranto potrebbe essere nuovamente un giocatore della Salernitana accettando, anche in questo caso, un triennale a cifre comunque importanti per la categoria. Ieri sera il ds sannita, Pastore, ha rilanciato con un’offerta che ha fatto tentennare il fantasista che però fino all’ultimo vuole far aspettare la Salernitana. “Non ho ancora scelto ha riferito in tarda serata. E’ tutto ancora in ballo”. Accantonata, al momento, la pista Genevier (che ha sparato grosso), la dirigenza ha sondato giovedì pomeriggio la disponibilità dell’esperto Papini che, con Mancini e Troiano, potrebbe comporre il terzetto di centrocampo, con Zampa prima alternativa e Montervino che, all’occorrenza, potrebbe giocare anche come terzino sinistro, ruolo nel quale ad ora ci sono soltanto Piva e Silvestri, che piace ad Arzanese e Messina. Al San Gallo potrebbero andare Gustavo (non c’è l’accordo sulla modalità del trasferimento) e Topouzis ed il direttore sportivo sarà in Svizzera anche domani per visionare un paio di giovani difensori segnalati dall’amico Corrente. Sempre per il reparto arretrato, si registra una brusca frenata per l’ex Latina Giacomini: il giocatore piace all’allenatore, ma avrebbe chiesto il doppio di quanto proposto da Lotito. In avanti, infine, in attesa di chiarire il giallo relativo a Mendicino la società ha contattato ieri pomeriggio il giovane Ricci. La pista Agodirin è congelata, ma la trattativa è in stato avanzato, non si esclude che Ricci rinnovi direttamente con la Salernitana firmando un pluriennale e venga girato in prestito, con il Teramo che ha avanzato una proposta ufficiale garantendogli un posto da titolare. Mercoledì, infine, potrebe esserci l’incontro decisivo per Dazzi, mentre L’Aquila proverà l’assalto a Perpetuini, sebbene la dirigenza granata non voglia rinforzare una squadra che è inserita nel medesimo raggruppamento.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->