Tre imprenditori salernitani ricevuti dal sottosegretario all’economia

Scritto da , 13 Aprile 2021
image_pdfimage_print

di Monica De Santis

Ieri mattina una delegazione di rappresentanti di piccoli imprenditori composta da MIO Italia, Consorzio Ursa Major Lombardia, Veneto Imprese Unite, Associazione Commercianti per Salerno, Associazione Ristoratori Reggiani, Esercenti Resistenti, ha incontrato al ministero dell’Economia e delle Finanze il sottosegretario Claudio Durigon. In rappresentanza dell’Acs di Salerno hanno partecipato all’incontro Armando Pistolese di Tozzabancone, Fabrizio Marotta dell’Osteria dell’Oste di Pellezzano e Paolo Pasquariello di Papilla Felix Al centro dell’incontro, le proposte dei piccoli imprenditori nell’ambito del decreto Imprese di imminente approvazione. I rappresentanti hanno presentato un Piano per la ripresa economica del comparto dell’ospitalità a tavola (Horeca), che già lo scorso mese di febbraio fu presentato al premier Mario Draghi e ai Ministri competenti. Il Piano elenca le problematiche del settore con, in parallelo, le soluzioni suggerite. I rappresentanti delle associazioni presente hanno illustrato le loro proposte e tra queste l’immediata riapertura di tutte le attività. Su questo punto il sottosegretario ha tranquillizzato i ristoratori confermato che il Governo prevede la riapertura delle attività, tutte, per il prossimo mese di maggio, in vista anche di una buona copertura grazie alla campagna vaccinale che sta procedendo bene, ovviamente tutta la situazione delle riapertura sarà poi rivista nel mese di settembre, quando con dati alla mano si potrà capire se la copertura vaccinale regge. Altro tema affrontato nel corso dell’incontro la distribuzione dei nuovi ristori che il Governo sta prevedendo.  I ristoratori hanno chiesto che questi fondi vengano utilizzati per gli affitti e per le moratorie, ma soprattutto hanno chiesto un abbassamento al di sotto del 30% così da consentire anche alle piccole imprese di poter rientrare nel piano ristori. Altro punto affrontato la revisione della legge Bersani – Visco. Su questo punto il sottosegretario ha però precisato che sarà difficile rivedere la legge. I tre rappresentanti salernitani hanno anche illustrato le problematiche affrontate dalla categoria in Campania “dove l’amministrazione regionale, ha inasprito di volta in volta, tutti i provvedimenti presi dal Governo centrale; aggravando ulteriormente la situazione economica già precaria della regione. Le necessità già evidenziate da mesi sono sempre le medesime: indennizzi giusti, agevolazioni sui canoni di locazione e sulle utenze, azzeramento dei tributi locali, ripristino dei voucher per il nostro settore. L’argomento da cui non si può prescindere, per evitare il tracollo e dare la possibilità alle attività commerciali di sopravvivere, è il blocco a tempo determinato delle licenze: tutto questo eviterebbe il proliferare di attività destinate a scomparire dopo poco tempo e darebbe una certezza in più per il futuro. Il tutto andrebbe supportato da opportune politiche del lavoro, come potrebbe essere ad esempio, sfruttare il reddito di cittadinanza come bonus per le assunzioni. Le regioni del Sud Italia, in particolar modo la nostra, hanno bisogno di un rilancio economico-finanziario, per poter sfruttare nella totalità le innumerevoli bellezze naturali ed archeologiche che sono la nostra vera fonte di reddito. I vantaggi si ripercuoterebbero anche su molti altri settori, per i quali il rischio di fallimento, oppure la cessione forzata, sarebbero imminenti”. Clicca qui per vedere il video: https://youtu.be/wSlPxy-ocU4

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->