Traballa il record di presenze stagionale

Scritto da , 15 Marzo 2013
image_pdfimage_print

Lotito chiama, Salerno questa volta risponde: se in passato la serie record di vittorie aveva tenuto lontano dall’Arechi tantissimi tifosi (complice anche l’incapacità della società di attivare operazioni simpatie atte ad agevolare le cosiddette “fasce deboli”), paradossalmente il boom di vendite si è registrato dopo la prima sconfitta dell’era Perrone, con migliaia di supporters granata che hanno deciso di tornare allo stadio in occasione della partita più importante dell’anno contro il Pontedera. Fino alle 20 di ieri sera risultavano staccati oltre 3mila tagliandi (esclusa la quota dei 205 abbonati), con prevalenza per il settore curva Sud e tante adesioni dalle varie zone della provincia; code alle ricevitorie sin dalla prima mattinata, con tanti punti vendita cittadini presi d’assalto da decine e decine di tifosi, un clima d’entusiasmo e partecipazione che non si respirava ormai da diversi mesi e che si spera possa contagiare anche la squadra, che ancora una volta ha chiesto esplicitamente l’apporto del pubblico per battere l’unica squadra capace di emulare lo straordinario cammino della truppa di Perrone. Da questa mattina, alle ore 10, aperti anche i botteghini dell’Arechi, non è difficile immaginare che sarà eguagliato almeno il numero di paganti per la partita tra Salernitana e L’Aquila della prima giornata, alla quale presenziarono oltre 6200 spettatori. Da Pontedera attesi una cinquantina di tifosi (alcuni dei quali già da ieri sera in città), mentre la Questura ha vietato l’accesso al settore tribuna dei 70 accreditati posizionandoli in curva Nord, sebbene la società toscana abbia contattato il club granata per chiedere di poter assistere alla partita regolarmente in tribuna.
 

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->