Tartufo principe d’autunno

Scritto da , 10 Ottobre 2019
image_pdfimage_print

Al via la XXIII edizione della  Mostra Mercato Nazionale del Tartufo e dei Prodotti Tipici Locali di Colliano

Di Gaetano Del Gaiso

Si prospetta essere una tre giorni intensa e sensazionale quella che interesserà la XXIII Mostra Mercato Nazionale del Tartufo e dei Prodotti Tipici Locali, che avrà luogo nelle suggestive Contrade della meravigliosa borgata di Colliano, una delle circoscrizioni più grandi e antiche dell’alta Valle del Sele, che da più vent’anni, ormai, fa del tartufo nero di Colliano ambasciatore della sua realtà storica, culturale ed enogastronomica. Siamo nell’Alta Valle del Sele, in un paesaggio dominato da distese di olmi, noccioli, faggi e querce, ed è proprio alle pendici di questi alberi, sottoterra, che cresce il tartufo nero, vanto e orgoglio di questa terra. Dalla forma piuttosto regolare con una fossetta centrale, rugoso, scurissimo e profumatissimo, che cela una parte interna brunastra con venature chiare, il tartufo di Colliano matura da ottobre ad aprile, periodo in cui avviene la caratteristica caccia al tartufo. Il tartufo di Colliano, che per bontà è paragonabile agli altri grandi tartufi italiani, non ha nulla da invidiare al tartufo di Alba (Piemonte), considerato il migliore del mondo. La scoperta della presenza in questa zona di questo pregiatissimo fungo è avvenuta negli anni ’60. Da allora Colliano attira ogni anno migliaia di appassionati che vanno a caccia del tartufo nero con i propri cani o si limitano a comprarlo o gustarlo nei ristoranti della zona. La kermesse si svolgerà dal giorno, in questo week-end per questo 2019 e presenta un programma ricco di eventi e di appuntamenti che andranno ad animare non soltanto le strade della cittadina, bardate e popolate delle più stravaganti bizzarrie ispirate a un medioevo giocondo e spumeggiante, ma anche le aule dei suoi istituti amministrativi e culturali, dove verranno affrontate, a mezzo di convegni informativi gratuiti, le problematiche pertinenti ad argomenti sensibili quali la difesa e la tutela degli imprenditori agricoli e non e la valorizzazione dei prodotti autoctoni in virtù della creazione di nuove possibilità economiche per il territorio.  «Alla Mostra esporranno stand provenienti da tutta la Regione Campania», come ci informa, nel corso della Conferenza Stampa svoltasi nell’Aula Consiliare del Municipio di Colliano, il presidente della ‘Pro Loco Colliano’ Mauro Iannarella, e il tartufo sarà l’ingrediente principe delle preparazioni culinarie che saranno presentate dalle varie Contrade della cittadina nel corso del tradizionale ‘Palio del Tartufo’, perfezionate in sinergia con gli allievi dell’Istituto Alberghiero “E. Corbino” di Contursi Terme . Lo scopo principale della manifestazione è quello di valorizzare e ottimizzare il territorio, il paesaggio e i prodotti tipici che rappresentano le principali risorse economiche del comune salernitano, attraverso l’azione sinergica della sua storica Pro Loco, organizzatrice dell’evento, dell’amministrazione comunale, nella persona del giovane sindaco Adriano Goffredo, e dell’istituto di credito ‘BCC Buccino Comuni Cilentani’, principale propulsore finanziario della Mostra, nella persona del suo presidente Lucio Alfieri, e il patrocinio e la collaborazione del Ministero delle Politiche Agricole, della Regione Campania, dell’EPT di Salerno, dell’UNPLI, del GAL I Sentieri del Buon Vivere e della Comunità Montana Tanagro – Alto Medio e Sele.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->