Salernitana, il primo 0-5 della storia

Una vittoria storica per la Salernitana. nella sua storiala squadra granata non aveva mai vinto 0-5. L’anno scorso la squadra granata aveva segnato cinque gol in trasferta ma subendone uno contro il Fondi. Storico risultato condito finalmente  da una rete di Pasquale Foggia. Dopo aver colpito sei legni e sfornato diversi assist, il crack del mercato estivo granata finalmente è riuscito a sbloccarsi. Dovrà offrire una cena al buon  Pasqualini che si è procurato il calcio di rigore e ringraziare naturalmente il tecnico Gregucci che dalla panchina ha indicato proprio l’ex laziale quale tiratore designato del penalty. Il gol di Foggia è sicuramente la ciliegina di una vittoria esterna che mancava dallo scorso 27 ottobre quando una doppietta di Guazzo consentì alla squadra allora allenata da Perrone di espugnare Benevento. Per la Salernitana è la seconda vittoria esterna della stagione e soprattutto è la seconda vittoria consecutiva. Ed è la prima volta che accade in questa stagione. Dal punto di vista statistico da registrare anche il secondo gol di David Mounard dopo quello realizzato all’Arechi contro il Gubbio mentre Gustavo sale a quota quattro realizzando il primo gol in trasferta dopo i tre realizzati all’Arechi. Con la doppietta di ieri Mendicino ha già eguagliato il proprio record personale di gol, salendo a quota sei. L’unica nota stonata del trionfale sabato granata è rappresentato dal giallo rimediato da Scalise. L’esterno ex Nocerina era uno dei sei diffidati e quindi sarà costretto a saltare la sfida di domenica prossima contro il Benevento. Ma prima del derby dell’Arechi, la Salernitana sarà impegnata martedì a Grosseto per la semifinale dei ritorno della coppa Italia di Lega Pro. I granata partono del 3-2 del match d’andata. Per questo motivo la Salernitana è rimasta in Toscana e domani tornerà ad allenarsi per la sfida contro i maremmani. Non è da escludere che possa essere aggregato l’attaccante della Berretti, Martiniello. (fabset)




Nocerina, che bella vittoria

NOCERA INFERIORE. Soffre ma vince la Nocerina di Fontana che, al termine di una settimana terribile, si regala tre punti utili soprattutto per risollevare il morale. Una rete di Cremaschi decide la sfida contro un Viareggio sfortunato negli episodi, con due legni colpiti, ma poco intraprendente nell’atteggiamento. Torna al 4-4-2 mister Fontana; il tecnico rossonero sceglie Esposito tra i pali e fa esordire Vilkaitis al centro della difesa. Sulla destra Kostadinovic opera come terzino mentre Lepore, svincolato da compiti difensivi, gioca come esterno di centrocampo. Anche il Viareggio si schiera con il consueto 4-3-3, in realtà più simile ad un 4-5-1; in avanti non c’è Rosafio ma Benedetti nel ruolo di esterno destro. Recupero lampo per Romeo, regolarmente al centro dell’attacco. Gara subito su ritmi elevati, con le due squadre che si affrontano senza troppi tatticismi; prova a fare la partita la Nocerina, più costante nel palleggio e nel proporsi in fase offensiva. Il Viareggio risponde bene in contropiede, affidandosi soprattutto alla capacità di Romeo di far salire la squadra ed alla fantasia di Vannucchi. La prima emozione è di marca rossonera: cross di Crialese, sponda di Evacuo e gran colpo di testa di Danti disinnescato da Gazzoli in volo plastico. Risposta immediata del Viareggio: Dalla Latta va via sulla sinistra e mette in mezzo per Pizza che di testa centra una clamorosa traversa. Col passare dei minuti, però, è la formazione ospite a prendere il sopravvento: Esposito compie un mezzo miracolo su Romeo che si gira in area e prova la conclusione ravvicinata. L’estremo difensore è ancora provvidenziale con un doppio intervento su Benedetti e Vannucchi che nel giro di pochi secondi sprecano due grandi opportunità. Il primo tempo, così, si chiude senza reti. In avvio di ripresa Gerevini rimpiazza Ferrari tra gli ospiti; ma la Nocerina ha subito l’occasione per passare: cross perfetto di Crialese e colpo di testa Evacuo neutralizzato miracolosamente da Gazzoli; poco dopo è Danti, su cross di Kostadinovic, a mandare il pallone alto. La partita scorre via senza grosse emozioni fino a metà frazione: a risvegliare tutti ci pensa Vannucchi che va via a tre avversari e lascia partire un siluro che sbatte sulla traversa rimbalza sulla linea e viene poi liberato da Sabbione. Ma la Nocerina ci crede di più e poco prima della mezz’ora trova il vantaggio: il nuovo entrato Cremaschi dialoga con Evacuo; assist di ritorno per l’esterno che si aggiusta il pallone ed indovina un tiro a giro perfetto che si insacca nell’angolo più lontano. Sulle ali dell’entusiasmo la Nocerina sfiora anche il raddoppio con due belle conclusioni di Kostadinovic, entrambe di un osffio a lato. Il Viareggio prova a spingere nel finale, la Nocerina tiene palla per far scorrere il cronometro. Nel secondo dei cinque minuti di recupero, però, ci vuole ancora un monumentale Esposito per fermare De Vena ad un passo dal gol; per i molossi arriva il terzo successo in campionato, i toscani frenano la loro corsa verso i play-off.