De Luca veste i panni di sindaco ed attacca la Salerno Pulita: «400 addetti e la città è sporca»

Brigida Vicinanza

Un’ammonizione degna di nota quella del governatore della Campania a Salerno Pulita. Ieri a Liratv, nel consueto appuntamento del venerdì, Vincenzo De Luca torna sceriffo o almeno ricomincia a fare l’arbitro. Una città sporca e abbandonata a se stessa secondo l’ex sindaco, che nei giorni scorsi ha dichiarato di aver incontrato l’attuale primo cittadino Enzo Napoli per fare chiarezza sul decoro e l’igiene urbana. Cartellino giallo dunque per i dipendenti della società partecipata di Palazzo Guerra, che adesso dovranno fare i conti con “campane di vetro piene fino all’orlo” e “strade sporche”, così come sottolineato da De Luca senior. “A Salerno Pulita ci sono circa 440 dipendenti. Non accade in nessuna parte di Italia che c’è un numero così elevato di addetti alla pulizia in media agli abitanti – ha sottolineato il presidente della Regione – e come è possibile che la città di Salerno versa in queste condizioni? A via Irno ad esempio, passano per la pulizia della strada 2 volte a settimana. Ma stiamo scherzando?”. Comincia l’invettiva di De Luca contro quel sistema che lui stesso ha creato molto probabilmente e che adesso comincia a fare acqua, senza il capitano della nave. “A Salerno mi permetterò di seguire questa questione personal- mente. Ma anche quella della manutenzione nei quartieri per- ché i fondi ci sono – ha ribadito De Luca – ho parlato con il sindaco perché queste problematiche vanno affrontate di petto. Con 440 addetti alla pulizia della città, pretendo una città che sia uno specchio. Allora qui dovremo ragionare, ascoltando tutti parlando con i lavoratori e i sindacati. Questo è un settore nel quale si è esposti al ricatto, io per impostazione mia non ragiono davanti ai ricatti. Ma con grande rispetto per tutti credo sia un problema di organizzazione e carichi di lavoro, avviamo in maniera serena un ragionamento con lavoratori e soprattutto con i dirigenti”. Infine De Luca ha anticipato ai microfoni di Liratv che provvederà in prima persona ad incontrare i lavoratori della partecipata del Comune di Salerno, per “metterli in riga”: “Costi quel che costi, questa usanza deve essere cancellata, ma mi capiterà di fare anche qualche riunione fuori dall’orario di lavoro per capire dove vogliamo andare a parare”.




6 oggetti che non hai mai pensato di lavare

Hai mai pensato che nella tua borsa, sui lacci delle tue scarpe o sul tuo giubbino si annidano innumerevoli germi e batteri ? Li usi quotidianamente per andare a lavoro, prendere mezzi di trasporto e quando rientri in casa porti anche loro, ma niente paura non tutti i batteri sono pericolosi, ciò non toglie che prestare attenzione a determinati oggetti che poggiamo a casa male non fa.

Il cuscino 

Secondo uno studio inglese, se ti svegli con il mal di testa, naso chiuso o cominci a soffrire d’asma, la colpa è riconducibile al cuscino, questo infatti se non sostituito o lavato qualche volta diventa il luogo ideale per acari  e batteri a causa dei depositi di cellule di pelle morta, funghi e muffa. Puoi lavarli in lavatrice se sono sintetici, altrimenti periodicamente con pazienza portarli in lavanderia.

I lacci delle scarpe

Alcuni ricercatori della University of Arizona hanno trovato nove differenti specie di batteri viventi sulle tue scarpe, li raccogli mentre cammini e li porti a casa. Tra le varie componenti delle scarpe, i lacci sarebbero una delle parti più sporche dal momento che spesso toccano il pavimento e immagazzinano i batteri. Ogni tanto puoi immergere i tuoi lacci in un contenitore d’acqua e sapone o lavarli in lavatrice, attenzione però a metterli prima in un fodera del cuscino o ad un calzino così si evita che si che si disperdano nella lavatrice.

Spazzolino

Veniamo a uno degli oggetti più importante per la nostra igiene orale che resta fermo nel contenitore sul lavandino per mesi, nell’acqua formatasi ci sono talmente tanti batteri che seconda una ricerca della National Sanitation Foundation (NSF), potrebbe essere la più sporca che abbiamo in bagno. Ricordati dunque di svuotare il contenitore e lavarlo con acqua calda e sapone.

Le chiavi
Le spostiamo continuamente dalla serratura di casa al tavolo del salotto, alla tasca del nostro cappotto fino alla nostra borsa. Le chiavi viaggiano e con loro anche germi e batteri ma è probabile che nessuno sognerebbe mai di pulirle. Effettivamente è un pensiero che forse non ha mai sfiorato nessuno, ma non serve fare chissà cosa, anche passarci sopra ogni tanto una salviettina bagnata di quelle che catturano la polvere, va bene.

Lo smartphone

Ormai sembra essere un’unica cosa con la nostra mano, lo appoggi ovunque e mentre facciamo anche altre attività, spesso lo tocchiamo anche con le mani poco pulite,l,o smartphone  è uno degli oggetti più sporchi che ci portiamo dietro. Come dice il professor Maurizio Sanguinetti, direttore dell’Istituto di microbiologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma in un’intervista a Rainews.it: “I batteri sono ovunque, non bisogna avere fobia dei microrganismi o pensare che tutto debba essere sterile. Dobbiamo ricordarci che ogni individuo possiede più DNA batterico che DNA umano”. Il Dottor Dubert Guerrero,  specialista in malattie infettive e co-autore dello studio sulla persistenza di batteri su iPad pubblicato dall’ American Journal of Infection Control, consiglia dunque di passare un panno umidificato e pulirlo.

Borsa, marsupio,borsello

Vi seguono ovunque, ce li teniamo stretti, ma secondo un sondaggio portato avanti da una compagnia inglese di servizi pubblici igienico-sanitari, le borse e gli zaini che ci portiamo dietro sono più sporchi dei bagno del nostro ufficio. La parte più sporca in assoluto sarebbero i manici e la parte inferiore, quella che entra in contatto con il pavimento o le superfici, dipende poi anche dal tipo di borsa. Quelle in pelle hanno bisogno di prodotti appositi per la pulizia degli oggetti in pelle e li potete trovare nei negozi specializzati, mentre se si tratta di una borsa di tela, si può anche lavare tutto in lavatrice con alcuni accorgimenti: riempitele di stracci o pezze in modo da evitare che si sformino, e lavatele a freddo con un detersivo delicato. Se la borsa ha inserti o parti di pelle, che il lavaggio potrebbe rovinare, potete invece pulirla utilizzando una spugnetta imbevuta con poca acqua.

Ecoteam S.r.l.- Impresa di pulizie  www.ecoteam-srl.it- Numero Verde 800821671




Infestazione da blatte e scarafaggi – Contatta gli esperti

Il caldo umido che nella stagione estiva predomina, è un clima che favorisce la fuoriuscita di scarafaggi sia dalle tubature di casa  o in ufficio, che dai buchi nei pavimenti o nei muri.

Oltre essere davvero disgustosi da vedere sono anche pericolosi per la nostra salute, la loro assidua presenza richiede un intervento di disinfestazione immediato.

Le blatte, tendono a proliferarsi in luoghi pubblici e privati, sia per la temperatura favorevole che per la presenza di cibo.

L’impresa di pulizie specializzata, Ecoteam puo’ intervenire sul problema in modo efficace e in totale sicurezza.

Conosciamo meglio questi parassiti:

Lo scarafaggio è un parassita molto difficile da trattare ed è bene non sottovalutare la sua presenza, si nascondono facilmente in crepe, angoli dietro al piano cottura, al frigorifero e ad altri elettrodomestici. Non riconoscere subito un’infestazione può scatenare una reazione a catena, essi infatti si moltiplicano rapidamente diffondendosi così in tutti gli impianti dell’ambiente.

Prima di procedere all’eliminazione si fa un’accurata ispezione dei locali, individuata il tipo di blatta di procede con continua a leggere




Infestazione da ratti e topi, come fare?

Uno degli incubi più frequenti è udire, in casa propria o in ufficio, strani rumori e notare escrementi sospetti, che subito fanno pensare alla presenza di topi o ratti.

Questi roditori si adattano facilmente ad ogni ambiente, sono portatori di numerose malattie oltre che vere e proprie minacce per i locali che occupano, creando danni all’ambiente e alla salute.

Si fa spesso confusione tra un topo e un ratto, che  sono due specie simili ma diverse tra loro, di conseguenze sono diverse le dinamiche per la loro cattura, entrambi però sono soliti annidarsi in cantine, nei sottotetti, nei giardini o in depositi.

Fare da soli non è una scelta sicura, in quanto le esche commerciali non sempre sono efficaci o vengono usate nel modo giusto, e si corre il rischio di non debellare il problema.

Non bisogna mai affrontare con leggerezza questo problema , i topi quando si annidano possono rosicchiare di tutto, come i cavi elettrici con il rischio di generare incendi, strutture di legno portanti di un edificio e cibo conservato in dispensa.

Una disinfestazione professionale è la scelta più saggia da fare, così da rendere nuovamente igienico in via definitiva il vostro luogo di lavoro o di relax da infestanti indesiderati.

Ecoteam è impresa di pulizia storica a Salerno, specializzata in disinfestazione, derattizzazione e disinfezione, alla quale è possibile richiedere un sopralluogo e un preventivo, un consulente espe……continua a leggere




Consigli pratici per la pulizia dei pannelli fotovoltaici

Tralasciando specifiche tecniche di dettaglio, i pannelli fotovoltaici sono una vera e propria novità nel campo della produzione dell’energia elettrica alternativa, infatti sono sempre più numerose le abitazioni che ne scelgono l’installazione.

Come ogni impianto è necessario dedicarne la giusta attenzione, per un ottimale funzionamento dei pannelli fotovoltaici sono consigliati  frequenti interventi di pulizia e manutenzione,  per garantirne il giusto assorbimento delle radiazioni solari evitando rischi di incendio.

Naturalmente salire sul tetto non è un’azione da prendere tanto alla leggera, spesso non si ha nemmeno l’autorizzazione necessaria, è per questo che contattare una ditta specializzata come Ecoteam risulta la scelta più consona.

La pulizia si esegue mediante l’uso di macchine dotate di spazzole elettriche rotanti e un operatore esegue manualmente il servizio richiesto con acqua osmotica o deionizzata che elimina le impurità presenti anche nell’acqua stessa, i sali e il cloro.

E’ possibile effettuare questo intervento anche tramite una macchina  che agisce fino a venti metri di distanza, grazie a una sorta di braccio e permette all’operatore di eseguire la pulizia in totale sicurezza.

Se, invece, il pannello avesse bisogno di una maggiore pulizia a causa di incrostazioni, l’ideale è scegliere un detergente antistatico, che scaccia l’acqua formando una sorta di pellicola protettiva e allo stesso tempo elimina le sostanze grasse come lo smog, il calcare, la fuliggine o residui organici cristallizzati sul vetro.

E’ sconsigliato lasciare…….Continua a leggere

 

Ecoteam S.r.l. – Impresa di pulizie – www.ecoteam-srl.it – Numero verde 800821671




La scelta giusta per il tuo locale e’ Ecoteam!

Quando si entra in un locale, oltre al design interno e all’impiattamento, si nota anche la corretta gestione del servizio di pulizia della struttura.

Sanificare è un’operazione importante, che contribuisce a garantire la sicurezza alimentare.

Ambienti di lavoro poco puliti, limitata manutenzione e possibili infestazioni da roditori e blatte, sono solo alcune delle emergenze che caratterizzano una ristorazione che non rispetta le principali norme igieniche.

Essendo un’attività delicata e richiede del tempo, è necessario identificare un ordine di priorità all’interno della gestione della tua attività e affidarsi ad esperti del settore.

Ecoteam è l’impresa di pulizie adatta alle tue esigenze, che effettua i suoi servizi in diversi ristoranti e pizzerie di Salerno e provincia, da diversi anni.

L’azienda a conduzione familiare, ha sede in via Stefan. Brun, 5 Zona Industriale di Salerno, con una squadra  di figure scelte e qualificate che hanno permesso di raccogliere buoni consensi del pubblico.
Per presentarsi come impresa di pulizie professionista di enti pubblici e privati, ha dedicato risorse e attenzione per l’ottenimento della certificazione ambientale.( UNI EN ISO 14001).

Ecoteam combina un processo di detergenza e disinfezione, trasformando condizioni igieniche discrete in ottimali, privando l’ambiente di qualsiasi microorganismo patogeno e residuo di cibo.

I luoghi di lavoro, gli impianti ed i dispositivi sono regolarmente sottoposti a manutenzione tecnica.
I dipendenti indossano la dovuta protezione (es. guanti, mascherina..) e utilizzano prodotti che minimizzino i rischi di emissioni e rilasci nocivi.

Non esiste un detergente o un macchinario universale, per questo la pulizia professionale è la scelta più saggia per il tuo locale di qualsiasi settore.

Ecoteam fa una distinzione di superficie e materiale da trattare, agendo con lo scopo di garantire un’attività ad ampio spettro assicurando una protezione duratura della superficie sanificata.

Una corretta pulizia, associata a un’opportuna frequenza di intervento, permette di prevenire qualsiasi proliferazione batterica e rende tutto più buono.

Puoi contattare Ecoteam al Numero Verde 800 821671 o via WhatsApp, puoi anche visitare la pagina Facebook aziendale o il sito web www.ecoteam-srl.it.

L’obiettivo è far uscire tutti i tuoi clienti con il sorriso ffinché possano parlare bene del tuo locale e tornare a trovarti.

 

Ecoteam S.r.l.- Impresa di pulizie  www.ecoteam-srl.it- Numero Verde 800821671




Consigli per un marmo più pulito

Avere il pavimento in marmo richiedere molta pazienza e le giuste tecniche di pulizia, in quanto molto delicato.

Utilizzato sia come ripiano in cucina che come pavimento, è bene conoscere i rimedi migliori per procedere alla pulizia  del marmo, evitando le sostanze che possono danneggiarlo.

Vediamo come pulire un pavimento in marmo 
Passate sul pavimento un panno asciutto in microfibra per rimuovere e raccogliere la polvere. Preparate un secchio con un litro d’acqua dove scogliete 1 cucchiaio di sapone liquido ecologico o di scaglie di sapone naturale e immergete un secondo panno, strizzate e passate sul pavimento per la pulizia. Servitevi di un ultimo panno pulito per risciacquare e asciugare.

Come pulire un ripiano in marmo
Con un panno morbido inumidito d’acqua tiepida eliminate eventuali tracce di sporco.
In caso di macchie o di residui da eliminare, utilizzate una spugnetta morbida dopo averla insaponata con qualche goccia di sapone liquido ecologico o con una saponetta naturale (mai utilizzare sul marmo prodotti per la pulizia dal pH acido).

Come lucidare il marmo ?Ci sono metodi che non hanno nulla da invidiare alla lucidatrice.
1)Un primo metodo è procedere……continua a leggere

 

 

Ecoteam S.r.l.- Impresa di pulizie www.ecoteam-srl.it – Numero Verde 800821671




Weekend rilassante, ecco alcuni trucchi per lasciare casa pulita

Con l’arrivo del mese di Aprile, possiamo favorire di temperature più miti e di qualche giorno di riposo in più con la festività della Pasqua.

Molti di voi avranno in programma un weekend fuori all’insegna del relax e del divertimento, per questo ti servirà qualche qualche dritta per pulire la vostra casa in poco tempo e partire senza pensieri evitando lo stress del ritorno.

Ecco alcune dritte dell’impresa di pulizia Ecoteam:

PARTIAMO CON IL DISINFETTARE
Inizia ad avviare una lavatrice per il bucato accumulato,versando in una ciotola acqua tiepida e qualche goccia di olio essenziale di pompelmo, rosmarino o tea, dalle proprietà antibatteriche.

Per i materassi, un oggetto importantissimo per la nostra salute, puoi utilizzare un panno in microfibra da passare sulla superficie, per mantenerli puliti e profumati evitando gli accumuli di polvere negli angoli.
Passa un panno con sapone di Marsiglia e oli essenziali sulle pareti in modo da cancellare graffi e lasciare un fresco profumo di pulito.

PASSIAMO ALLA CUCINA
Lava i piatti o qualsiasi ciottolo lasciato nel lavello, asciuga le stoviglie soprattutto i bicchieri al quale resta attaccato il calcare.
Pulisci con alcool il…….Continua a leggere qui 

 

 

Ecoteam S.r.l. – Impresa di pulizia www.ecoteam-srl.it– Numero Verde 800821671

 




Scafati. Servizi di pulizie al Comune. La Dia sull’amico dell’ex boss

SCAFATI. L'Antimafia entra ancora una volta a Palazzo Mayer e stavolta vuole vederci chiaro sulla gestione dei servizi di pulizia del Comune. Negli ultimi anni a gestire il servizio è stata l'Ati – tuttora esistente – composta dalla società Splendor Snc di Casagiove (di Giuseppe Palmieri), provincia di Caserta e poi la società Maxiclean società cooperativa di Scafati (amministratore unico Massimo Lo Rosso almeno fino al 2013). Nel 2010 infatti l'Ati aveva vinto l'appalto per gestire il servizio per tre anni per una cifra di 620mila euro. Poi, alla fine del 2013 si era deciso di affidare all'Ati anche la pulizia del Palamangano. Il contratto sarebbe stato valido fino al 31 dicembre del 2013. Da lì poi, sono partite le proroghe: la prima il 3 gennaio del 2014 quando per 13mila euro le società hanno avuto nuovamente il servizio per 59mila euro. All'inizio di aprile del 2014 poi, c'era stata la nuova proroga fino a fine giugno per altri 59mila euro mentre a luglio l'affido arrivò fino a settembre alla stessa cifra. La cosa è andata avanti fino alla fine dell'anno e ancora nel gennaio 2015 fino all'affidamento con nuova gara (primo lotto) per due mesi, per 30mila euro alla stessa Splendor-Maxiclean. In questo scenario rientra anche la ditta Soledad di Angri del geometra Guido Giordano che ha avuto in affidamento il secondo lotto per la stessa cifra in maniera approssimativa. E ancora un ripetersi di proroghe fino a dicembre scorso per altre migliaia di euro. La gara indetta invece a febbraio è stata vinta (il primo lotto) – lo scorso 7 marzo solo dalla Splendor di Casagiove, orfana della Maxiclean. Il secondo sempre da Soledad di Angri. La ditta di Lo Rosso (almeno fino al 2013) in passato aveva avuto anche altri affidamenti per dei lavori sotto soglia. E proprio quelle proroghe sono finite nelle mani dell'antimafia. Anche stavolta gli uomini della Dia vogliono verificare la presenza di eventuali legami tra la criminalità organizzata e la gestione di Palazzo Meyer. Ad aiutare in questa ricostruzione, potrebbe esserci proprio Alfonso Loreto, pentito e collaboratore di Giustizia. Il figlio di Pasquale Loreto infatti conosce bene Massimo Lo Rosso, amministratore di Maxi clean almeno fino al 2013: le loro famiglie, pur non legate da parentela, sono molto vicine.

valeria cozzolino

 




Operazione Mastrolindo: perquisite sede centrale dell’Inps per verifica su 341milioni di euro di incentivi erogati a dirigenti e funzionari

ROMA/NOCERA INFERIORE. Avrbebero immesso falsi dati sulle verifiche antitruffa relative alle fittizie assunzioni di operai nelle ditte di pulizie, raggiungendo alti obietti previsti dall’Inps nelle attivvità di controlo e così intascando 361milioni di euro di incentivi e premi in soli due anni. Su questa attività sta indagando la procura di Nocera Inferiore che sta eseguendo una perquisizione negli uffici centrali dell’istituto e acquisizioni di documentazione nelle 21 sedi regionali (attività ancora in corso).

Nel mirino del pm Roberto Lenza della procura di Nocera e dei carabinieri, i controlli dei funzionari e dirigenti locali e centrali dell’Inps che avrebbe omesso le verifiche antitruffa facendole, però, risultare nel sistema informatico, percependo i premi di produttività.
L’ipotesi, allob stato ancora contro ignoti, è di falso ideologico e truffa aggravata sono le ipotesi di reato al centro dell’indagine e si indaga sul presunto ndebito percepimento dei premi da parte di centinaia di ispettori, funzionari e dirigenti centrali e locali.

L’inchiesta è un seguito di  “Mastrolindo”, sempre del  sostituto procuratore Roberto Lenza – sulla costituzione di false aziende nell’Agro nocerino con circa 10mila  falsi rapporti di lavoro per ottenere indebite erogazioni previdenziali e assistenziali dall’Inps. Indagate oltre 6.000 persone. Un danno all’Inps di oltre 137 milioni di euro.