«Darò il massimo impegno alla comunità»

Marcello D’Ambrosio

Si è svolta nella serata di ieri, su un palco montato per l’occasione davanti l’ingresso del municipio, la proclamazione del neo sindaco di Pontecagnano Faiano Giuseppe Lanzara. Il piazzale antistante il municipio è riempito ai lati del palco da tantissimi cittadini. In prima fila erano seduti i neoconsiglieri. Tra il pubblico l’ex senatore Alfonso Andria, l’ex direttore generale della provincia Bruno Di Nesta, il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli, il presidente della provincia Giuseppe Canfora, il sindaco uscente Ernesto Sica, il segretario provinciale del PD Vincenzo Luciano, il consigliere regionale Luca Cascone, l’ex segretario del PD di Giffoni Valle Piana Salvatore Mancino, l’ex consulente politico del governatore Vincenzo De Luca, Nello Mastursi. Dopo due mandati di opposizione Lanzara è riuscito ad espugnare quello che per più di venti anni è stato il regno di Ernesto Sica, di recente passato da Forza Italia alla Lega. Lanzara ha sconfitto al ballottaggio Francesco Pastore, vicesindaco uscente, dopo aver sfiorato la vittoria al primo turno. “E’ una grande emozione, che resta nella vita, ricoprire la fascia del tricolore è una grande responsabilità e di impegno per una comunità nella quale sono nato e alla quale darò il massimo dell’impegno – le parole a caldo del nuovo primo cittadino – Da lunedì ci sediamo e in tempi rapidissimi decideremo i criteri per la composizione della giunta, la scelta del vicesindaco e tutto il resto. Al momento – conclude Lanzara – siamo concentrati su questa iniziativa e su questo evento”. “Sono molto emozionato – esordisce Roberto Brusa, segretario cittadino del Pd di Pontecagnano – oggi è un giorno speciale per noi, qui a Pontecagnano. Dopo dieci anni di dura opposizione, di lavoro sul territorio siamo riusciti a far voltare finalmente pagina alla nostra comunità. Come Partito Democratico sono ancora più soddisfatto alla luce dei risultati scadenti del partito a livello nazionale. Vuol dire che davvero qui a Pontecagnano Faiano abbiamo fatto la differenza. Pontecagnano, insieme a Brindisi, è l’unico comune in cui il Pd è riuscito a vincere in questa tornata amministrativa. Di questo sono fiero, continueremo a lavorare per il territorio, io personalmente continuerò a lavorare nel Pd, e Giuseppe Lanzara da domani sarà il sindaco di tutti. Per ora sono il segretario cittadino del Partito Democratico, non ricoprirò ruoli in giunta e nell’amministrazione perché il mio è un ruolo politico, e vedremo, nel partito proverò a dare un contributo a tutti i livelli”. Sono sedici i consiglieri comunali che affiancheranno Lanzara alla maggioranza: per il Pd Francesco Fusco, Gerarda Sica, Beniamino Castelluccio, Carmine Spina; per la lista Città Attiva Gianfranco Ferro; per la lista Stringi Energie Gaetano Nappo e Antonio Avallone; per la lista Campania Libera Roberto Michele Di Muro e Adolfo Citro; per la lista Sveglia Pontecagnano Faiano, Dario Vaccaro. per la lista Pontecagnano Faiano insieme con Lanzara Sindaco Raffaele Silvestre. Per l’opposizione guidata da Francesco Pastore i consiglieri: per la lista Forza Italia Berlusconi per Pastore, Arturo Giglio; per la lista Lega Salvini Campania, Mario Vivone; per la lista Fratelli d’Italia Isabella Mangino; per la lista Movimento Libero Mazza Sindaco, Angelo Mazza.




VIDEO – Lanzara arriva dinanzi Palazzo di Città

Il neo sindaco di Pontecagnano Faiano, Giuseppe Lanzara dinanzi Palazzo di Città per continuare i festeggiamenti dopo la vittoria schiacciante del centro sinistra.




Lanzara-Pastore, in due per una poltrona

Erika Noschese

Pontecagnano Faiano si appresta ad eleggere il nuovo sindaco che guiderà la comunità per i prossimi 5 anni. Dalle 7 di questa mattina e fino alle 23, gli elettori sono chiamati alle urne per il secondo turno, dopo il primo tenutosi lo scorso 10 giugno. Due gli aspiranti primi cittadini: Francesco Pastore per il centro destra e Giuseppe Lanzara per il centro sinistra. Pastore, dopo il passo indietro del sindaco uscente Ernesto Sica che – in caso di vittoria dovrebbe dimettersi dalla carica di consigliere comunale – ha ottenuto il sostegno di Angelo Mazza. Dunque, in questo secondo turno, il centro destra ha dalla sua Movimento Libero, Città Attiva, Popolo della Famiglia, Popolo Democratico Udc, Fratelli d’Italia e Forza Italia. Per il centro sinistra, invece, ci Erika Noschese sono Movimento Legalità e Trasparenza, Centro Democratico, Sveglia!, Energie, Movimento Popolare, Partito Democratico, Campania Libera, Insieme con Lanzara sindaco, Popolari e Riformisti. Nessun quorum necessario, per questo ballottaggio. Ad indossare la fascia tricolore sarà il candidato sindaco che otterrà più voti. Al primo turno, risultava in vantaggio Lanzara con il 48.50%, ovvero 7.334 voti mentre Pastore si attestava al 37.30%, cioè 5.640 voti. Il vero colpo di scena, in questa nuova tornata elettorale, sembra essere però la decisione di Ernesto Sica: abbandonare Palazzo di Città dopo i due mandati, rinunciando anche alla carica di consigliere comunale. Ed è stata proprio questa scelta a portare Movimento Libero a firmare un contratto per il sostegno del candidato sindaco, Mazza e dei suoi. Dall’altro canto, a poche ore dalla fine del primo turno, anche Francesco Longo – candidato anch’esso alla carica di primo cittadino con Sinistra Italiana – ha scelto di scendere nuovamente in campo per sostenere Lanzara ed il centro sinistra. Ora, non resta che attendere la chiusura delle urne, il cui risultato darà alla città di Pontecagnano Faiano una nuova guida amministrativa, per i prossimi cinque anni.




Pastore-Mazza c’è l’accordo Oggi la firma

Erika Noschese

A poco meno di una settimana dal ballottaggio, si svelano tutte le carte. Così, in attesa della sfida di domenica quando la città di Pontecagnano Faiano è chiamata nuovamente alle urne per eleggere il sindaco, il leader di Movimento Libero, Angelo Mazza, annuncia il suo sostegno al candidato del centro destra Francesco Pastore. Una sfida a due, dopo quella dello scorso 10 giugno, che vedrà Pastore e Lanzara contendersi lo scranno più alto a Palazzo di Città. Un accordo, quello tra Mazza e l’aspirante primo cittadino del centro destra raggiunto le scorse ore e che sarò ufficializzato questa mattina, con la firma del contratto nei pressi del Cin cin bar, a piazza Sabbato. “Con l’ingresso di Angelo Mazza e delle forze di Movimento Libero in coalizione si apre una nuova fase per Pontecagnano Faiano, una fase storica di estrema importanza”, ha detto Francesco Pastore, spiegando poi che “l’intesa è stata raggiunta sulla base di un Contratto per una Città Unita che sintetizza le priorità programmatiche di intervento e rappresenta il punto di partenza per il nuovo governo della Città. Mi preme ringraziare tutte le forze della mia coalizione che, con grande maturità, hanno saputo superare i personalismi per far prevalere il bene comune”. E ancora: “Cammineremo insieme perché entrambe le parti hanno a cuore la crescita e l’autonomia di Pontecagnano Faiano ed intendono difenderla da chi vuole renderla subalterna, da chi è troppo miope per non ritenerla il fulcro centrale di un’azione di governo in sinergia con gli altri Comuni”. La scelta di Angelo Mazza arriva, per sua stessa ammissione, all’indomani della scelta di Ernesto Sica di fare un passo indietro e rinunciare, eventualmente, a sedere tra i banchi del consiglio comunale: “È arrivato il momento di unire le forze insieme con la coalizione del candidato sindaco Francesco Pastore. La scelta arriva all’alba del passo indietro di Ernesto Sica, un atto di responsabilità che ha creato le condizioni affinché potessimo sedere al tavolo di discussione, avviare un lungo confronto programmatico e siglare un accordo con le forze a sostegno di Francesco Pastore”. Per Mazza, l’eventuale fuoriuscita del sindaco uscente dà inizio ad una nuova fase di governo per il territorio, “che non ha precedenti, con una nuova guida ed una impostazione politico-amministrativa congiunta”. Un accordo scritto, quello tra l’ex candidato sindaco e l’aspirante primo cittadino tutt’oggi in corsa, chiamato Contratto per una Città unità, proprio per sottolineare la forte intesa sui programmi che deve necessariamente unire e non dividere. “Ecco perché ci impegneremo, da ambo le parti, affinché si rispettino le condizioni di governo e di indirizzo – dice infine Mazza – Il contratto ha trovato larga intesa sui nostri punti fondamentali: una Città normale e servizi essenziali garantiti; una Città verde grazie ad azioni di bonifica e risanamento di aree di degrado urbano ed il progetto dei giardini verticali; una Città sicura con il potenziamento dei controlli sul territorio; politiche giovanili; sostegno e politiche di rilancio del commercio. Sono questi i capisaldi dell’adesione di Movimento Libero. Queste le basi del vero cambiamento”. In vista dell’ultima tornata elettorale, dunque, tutto sembra essere stato definito fin nei minimi dettagli, con accordi scritti come nel caso di Mazza con Pastore o di Francesco Longo con Lanzara. Ora, non resta che attendere la data della tanto attesa elezione quando, a conti fatti, la città di Pontecagnano Faiano si appresta a veder scomparire, almeno da Palazzo di Città, la figura di Ernesto Sica che, come da accordi precedentemente presi, dovrebbe lasciare il posto di consigliere comunale, subito dopo l’eventuale vittoria del centro destra.




Testa a testa tra Villani e Caso ma alla fine arriva la riconferma per il sindaco uscente

Fino a tarda notte lo spoglio delle schede del paese con appena 300 votanti

CASO GIUSEPPE ELETTO SINDACO 152 55,07
LISTA CIVICA - NELLA CONTINUITA' PER ROMAGNANO LISTA CIVICA – NELLA CONTINUITA’ PER ROMAGNANO 152 55,07 7
VILLANI ONOFRIO 121 43,84
LISTA CIVICA - ROMAGNANO UNITA E DEMOCRATICA LISTA CIVICA – ROMAGNANO UNITA E DEMOCRATICA 121 43,84 3
GIOIA DANIELE 3 1,08
LISTA CIVICA - ITALIA AGLI ITALIANI LISTA CIVICA – ITALIA AGLI ITALIANI 3 1,08



Balbi senza rivali

Con una lista civetta come avversario, il leader di Libertà e partecipazione conquista Palazzo di Città.

BALBI GIUSEPPE ELETTO SINDACO 840 88,88
LISTA CIVICA - LIBERTA' E PARTECIPAZIONE LISTA CIVICA – LIBERTA’ E PARTECIPAZIONE 840 88,88 7
CETRANGOLO PIETRO VINCENZO 105 11,11
LISTA CIVICA - CAMBIAMENT! LISTA CIVICA – CAMBIAMENT! 105 11,11 3



Oscar Imbriaco è sindaco

Filomena Antoniello non ce la fa a colorare di rosa il Comune

IMBRIACO OSCAR ELETTO SINDACO 466 55,60
LISTA CIVICA - PROGETTO COMUNE LISTA CIVICA – PROGETTO COMUNE 466 55,60 7
ANTONIELLO FILOMENA 372 44,39
LISTA CIVICA - CAMBIAMO INSIEME LISTA CIVICA – CAMBIAMO INSIEME 372 44,39 3



Plebiscito per Giuliano

Arriva il secondo mandato per il sindaco uscente

GIULIANO ROCCO ELETTO SINDACO 2.417 79,21
LISTA CIVICA - POLLESI PER POLLA LISTA CIVICA – POLLESI PER POLLA 2.417 79,21 8
D’ARISTA FORTUNATO 634 20,78
LISTA CIVICA - FORZA POLLA LISTA CIVICA – FORZA POLLA 634 20,78 4



Adriano De Vita sindaco di Novi Velia

Giallo durante lo spoglio fermati i lavori. Manca una scheda, si blocca lo scrutinio

DE VITA ADRIANO ELETTO SINDACO 1.019 63,29
LISTA CIVICA - LA COLOMBA LISTA CIVICA – LA COLOMBA 1.019 63,29 7
GIORDANO ANGELO 584 36,27
LISTA CIVICA - BATTITI PER NOVI LISTA CIVICA – BATTITI PER NOVI 584 36,27 3
DE VITA GIANCARLO 7 0,43
LISTA CIVICA - IL PAESE LISTA CIVICA – IL PAESE 7 0,43



Orlotti eletto sindaco

La Di Marco dovrà accontentarsi di un ruolo in opposizione

ORLOTTI GIUSEPPE ELETTO SINDACO 565 62,01
LISTA CIVICA - GIUNGANO DEMOCRATICA LISTA CIVICA – GIUNGANO DEMOCRATICA 565 62,01 7
DI MARCO MARIA ASSUNTA 346 37,98
LISTA CIVICA - AMIAMO GIUNGANO LISTA CIVICA – AMIAMO GIUNGANO 346 37,98 3