Cavese, Ciarcià: «Vogliamo arrivare in alto”

di Davide Villa

CAVA DE’ TIRRENI. Quattro vittore consecutive e primo posto in classifica. La cavese vola e i tifosi metelliani sognano. Dopo un avvio di stagione in sordina la squadra metelliana ha innescato il turbo. Una squadra giovane, costruita in ritardo ma ora tra le protagoniste indiscusse del campionato di serie D. Anche grazie all’apporto di a quei calciatori di esperienza che hanno sposato in pieno il progetto della società del presidente Campitiello. Tra questi l’ex Salernitana Ciarcià anche contro la Sicula Leonzio tra i migliori in campo: “Abbiamo fatto grande gara” – ha dichiarato il centrocampista al termine del match -”non era certo facile venire qui e vincere 3-1 contro una squadra forte e che era ancora imbattuta. Siamo contenti io sono ancora di più perché giocare vicino casa mi ha fatto piacere”. La Cavese con questo primato può davvero sognare: “Dove possiamo arrivare? Vogliamo arrivare in alto insieme alla società e ai tifosi ma bisogna andare avanti settimana dopo settimana, pensando a una gara per volta. basti pensare che un mese fa abbiamo perso a Rende. Questo di serie D è un campionato lungo. Si  deve preparare una partita alla volta, puoi avere i nomi che vuoi ma ci vuole l’umiltà”.  E domani la squadra di Longo scenderà in campo al Lamberti per incontrare la Frattese in Coppa Italia mentre domenica sempre in casa ci sarà la sfida col Gragnano: “Speriamo di avere tanti tifosi con noi. Cava è una piazza stupenda, vogliamo portare più gente facendo risultato.  Il nostro sogno è riempire lo stadio”.




Droga nella movida di Cava de’ Tirreni. 13 tra arresti ed altre misure cautelari

 

Dalle prime ore della mattina odierna è in corso un’operazione antidroga dei Carabinieri del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore (SA), nei comuni di Cava de’ Tirreni, Nocera Superiore, Roccapiemonte (SA) e Pompei (NA).

 

Un centinaio di militari, con l’ausilio di unità cinofile, stanno eseguendo un’ordinanza di applicazione di misure cautelari nei confronti di 13 indagati per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, oltre a decine di perquisizioni domiciliari.

 

I particolari dell’operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 12.00 odierne presso la Procura della Repubblica di Nocera Inferiore.

 




Cavese, con il Taranto domenica indetta la giornata biancoblu

CAVA DE’ TIRRENI. Sei punti in due trasferte e in casa Cavese è tornato l’entusiasmo. Dopo il dicembre nero che ha visto la Cavese, chissà forse condizionata dal mercato, perdere punti importanti la squadra allenata da Agovino si è ripresa, rilanciandosi in zona play off. E ora è attesa domenica da un vero e proprio scontro diretto. Allo stadio Lamberti arriverà domenica pomeriggio il Taranto allenato da Favo. Una corazzata costruita dal presidente Campitiello, salernitano d’origine e dal ds Montervino che dopo un inevitabile avvio difficile è in netta crescita. Ma la Cavese non vuole assolutamente fermarsi. ieri la squadra ha ripreso la preparazione con una seduta  tecnico-atletica. Intanto la società chiama a raccolta i tifosi in vista del match che come da accordi intercorsi tra le due società si disputerà alle 15 invece che alle 14.30. Per il match con il Taranto il club del presidente Monorchio ha  ha indetto la “Giornata Biancoblù”, quindi abbonamenti e entrate di favore saranno sospesi. I prezzi dei settori dello stadio “Simonetta Lamberti” rimarranno invariati: Curva Sud “Catello Mari” 5 euro, Distinti 7 euro (5 ridotto), Tribuna Scoperta 10 euro (8 ridotto), Tribuna Laterale Coperta 12 euro e Tribuna Centrale 20 euro. Sembra, inoltre, inevitabile, il divieto di trasferta ai sostenitori tarantini. A suonare la carica intanto in casa Taranto è il ds Francesco Montervino. l’ex capitano di Napoli e Salernitana crede nelle potenzialità della squadra allenata da mister Favo: “Ho visto l’Andria contro la Scafatese e non mi ha fatto una grande impressione. Anzi sono sicuro che è una formazione destinata a calare. “Taranto si trova nella condizione di inseguire ed è costretto a vincere quasi sempre per restare nella scia. A cominciare da domenica prossima a Cava de’ Tirreni. Sono fiducioso dato che i campionati si vincono in primavera e noi dobbiamo iniziare a rosicchiare punti per farci poi trovare pronti nella volata finale”.




Denuncia e Daspo per 20 tifosi di Battipagliese e Cavese per una violenta rissa

Giro di vite nei confronti dei teppisti che domenica scorsa, in occasione dell’incontro di calcio tra Battipagliese e Cavese al terminedella partita dopo aver abbattuto e scavalcato le recinzioni in ferro, hanno invaso il terreno di gioco e dato luogo ad una violenta rissa, finita con le lesioni subite da un tifoso della Battipagliese, in atto ancora ricoverato in prognosi riservata per trauma cranico e lesioni varie. In particolare gli autori delle opposte tifoserie, che si sono resi responsabili di invasione di campo, rissa, danneggiamento aggravato e lesioni personali, sono stati identificati e deferiti all’autorità giudiziaria dal Commissariato di Polizia di Stato di Battipaglia diretto dal Vice Questore Antonio Maione in collaborazione con il Commissariato di Cava de’Tirreni. Gli esiti investigativi sono stati particolarmente soddisfacenti in quanto oltre alle denunce di oltre 20 giovani gli stessi sono stati proposti al Questore di Salerno Anzalone per i provvedimenti di diviato di accesso alle competizioni sportive. Le investigazioni continuano incessantemente e non si escludono ulteriori identificazioni di facinorosi resisi responsabili dei gravi fatti di domenica scorsa allo Stadio “Pastena” di Battipaglia.




Serie D, Battipagliese-Cavese: derby alle zebrette

BATTIPAGLIA. Il derby salernitano va alla Battipagliese con l’identico risultato (3-2) dell’andata. La Cavese pur giocando una buona gara per l’impegno e la dedizione, non riesce a portare a casa un punto che, alla resa dei conti, poteva anche starci. Le occasioni migliori sono state, a dire il vero, della Battipagliese che ha sciorinato un super Manzo autore della tripletta che ha determinato il risultato finale.  Risultato maturato nella prima frazione di gioco dove le due squadre si sono fronteggiate senza esclusione di colpi. La Battipagliese non può schierare Alleruzzo e Boldrini squalificati e Olcese infortunato ma comunque presente in panchina. Tre elementi cardine che in una rosa alquanto ristretta hanno un peso specifico non indifferente. La Cavese schiera la migliore formazione. Mister Chietti ha tutti gli uomini a disposizione. Sugli spalti il derby si vive anche tra le opposte tifoserie con canti e cori che offrono uno spettacolo degno di un derby. Folta la presenza dei tifosi metelliani e non da meno quelli di casa. Parte  bene la Battipagliese che con Manzo già all’8’ và in rete per il vantaggio bianconero. Il capitano imposta e conclude a fil di palo imprendibile per il pur bravo De Luca. Risponde la Cavese con capitan De Rosa. Punizione centrale e facile parata di Bianco (15’) Insiste l’undici di mister Chietti e perviene al pari con Cirillo abile a fiondare in rete sugli sviluppi di un corner (24’). La Battipagliese non ci stà e  continua a macinare gioco. Al 29’ l’arbitro assegna un calcio di punizione dai 25 metri. Sulla sfera Gatta e Manzo. A tirare è il numero 10. Esecuzione perfetta e palla che si insacca a fil di palo. Non passa un minuti e lo stesso Manzo ha tra i piedi la possibilità di mettere al sicuro il risultato. La sua conclusione al volo su precisa imbeccata di Odierna, si perde di poco a lato con De Luca battuto. Il tre a uno è nell’aria ed arriva puntuale al 37’. Sulla fascia scende Donisa , palla indietro per l’accorrente Cammarota. Il centrocampista fa fuori due avversari e fionda a rete . respinge alla men peggio De Luca sui piedi di Manzo che non ha difficoltà a siglare la sua personale tripletta. E’ il tripudio sugli spalti. Dopo una  conclusione per parte ad opera di De Rosa (43’) e di Manzo (46’) la Cavese và a rete con Palumbo su difettosa respinta di Bianco in seguito ad un diagonale di De Rosa. E’ la rete del 3-2. Si và a riposo su questo risultato. Nella ripresa la Battipagliese dà l’impressione di controllare la gara mentre, con il passare dei minuti cresce la pressione della Cavese senza peraltro rendersi pericolosa esponendosi  alle veloci ripartenze delle zebrette.  Tranne una conclusione di Pisani (28’) con parata a terra di Bianco è la Battipagliese ad avere due chiare occasioni da rete con Cammarota al 21’ (conclusione a giro che si perde di poco a lato raccogliendo una respinta di De Luca su precedente colpo secco di Donisa) e al 50’ in pieno recupero quando è Fiorillo a crossare al centro sull’accorrente Donisa che non impatta la sfera  per la facile conclusione a rete.




Firmata la convenzione “Gioca i derby con i tifosi”

E’ stata firmata in un clima di grande disponibilita’, la convenzione “Gioca i derby con i tifosi”. I club Nocerina, Paganese e Salernitana, in sinergia con Prefettura, Questura, Osservatorio per le Manifestazioni sportive, amministrazioni comunali, Lega Pro, Aic e Aiac portano avanti, col protocollo siglato una serie di iniziative di sensibilizzazione, incentrate sulla cultura sportiva. Erano presenti anche Antonio De Iesu, Questore di Salerno e Pasquale Ciullo, Presidente dell’Osservatorio per le Manifestazioni sportive. “Era un percorso gia’ avviato – ha dichiarato il Prefetto di Salerno, Gerarda Maria Pantalone – che volevamo portare a compimento. Siamo consapevoli della necessita’ di un impegno congiunto per far convergere verso una cultura sportiva del confronto. Il progetto della Lega Pro, nato in collaborazione con Aic e Aiac, trova la condivisione di tutti i soggetti coinvolti. Non e’ la soluzione ai problemi, ma una base su cui costruire. Noi ci crediamo”. La giornata si e’ aperta col convegno “Si ai derby, no alla violenza” che si e’ tenuto alla scuola “Rita Levi Montalcini” di Salerno, cui ha partecipato anche il direttore Ghirelli. Dopo la firma del protocollo e’ stata annunciata la prima iniziativa. Il 29 ottobre in Prefettura, gli studenti di Nocera, Pagani e Salerno incontreranno i calciatori dei tre club per scambiarsi maglie e condividere momenti di sport.”Oggi e’ un giorno importante che da’ un segnale preciso – ha dichiarato Francesco Ghirelli, Direttore della Lega Pro – e rappresenta la tappa di un percorso condiviso, che ognuno di noi vuole intraprendere con impegno e per lavorare assieme per far si’ che i derby siano gare di sport con le famiglie protagoniste sugli spalti”.