Special session “Suoni e ritmi mediterranei”

Scritto da , 22 Ottobre 2021
image_pdfimage_print

Special Session con Suoni e ritmi mediterranei. E’ un concerto live dai travolgenti ritmi del Mediterraneo e dell’Africa in particolare quello proposto dalla superband made in Naples in programma oggi alle ore 22,00 nelle sale del Pub Il Moro di Cava de’ Tirreni (Sa). Ospiti della rassegna MoroInJazz sul palcoscenico del locale del Borgo Scacciaventi Antonio Onorato, musicista straordinariamente sensibile e con un animo da poeta della chitarra, il percussionista blues Toni Esposito , Ernesto Vitolo alle tastiere e organo, Gigi De Rienzo al basso, tutti musicisti accomunati da moltissimi aspetti, ma soprattutto dalla loro capacità di trasporre nella loro musica quelle radici napoletane tanto bistrattate, ma innegabilmente fonte di inimitabile ispirazione. Da sempre impegnato nella fusione del linguaggio tipicamente afro-americano con quello della tradizione melodica partenopea, sperimentando nuove forme musicali e nuovi suoni, Antonio Onorato, musicista eclettico, compositore fertile ed innovativo, entrato di diritto nella storia della chitarra italiana, l’unico musicista al mondo a utilizzare la breath guitar o chitarra a fiato, uno strumento rivoluzionario e futuristico sarà affiancato da straordinari musicisti partenopei dando corpo ad una serata dove si mescoleranno le sonorità di molti Paesi del mondo con ritmi tribali e melodie tipiche della musica partenopea. Il concerto, di oggi, con inizio alle ore 22.00, si terrà nel pieno rispetto della normativa anti Covid-19 con prenotazione obbligatoria per gli spettatori. Nella sala concerti e nelle sale interne, si accede solo ed esclusivamente su Prenotazione con Green Pass o con un Test molecolare o rapido con risultato negativo Sala concerti completamente rinnovata #CovidFree con posti a sedere preassegnati e distanziati. La rassegna musicale jazz, che si avvale della direzione artistica di Gaetano Lambiase, prosegue venerdì 29 ottobre con il concerto del trio capitanato da Benito Gonzales, il pianista venezuelano che ha condiviso il palco nella sua carriera con grandi nomi della scena jazz americana del calibro di Kenny Garrett (con cui è stato nominato al Grammy Awards per l’album “Seeds From the Underground”), Roy Hargrove e Antonio Sanchez.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->