Spacciava eroina in via Posidonia: arrestato Emanuele Barbone

Scritto da , 26 Marzo 2013
image_pdfimage_print
E’ stato sorpreso in flagranza di reato mentre cedeva alcune dosi di eroina a dei giovani della zona orientale: sono scattate immediate le manette ai polsi di Emanuele Barbone, 20 anni salernitano tratto in arresto dai carabinieri nell’ambito degli intensificati controlli del territorio ed, in particolare, della movida salernitana. Il giovane è stato adocchiato dai militari diretti dal capitano Gennaro Iervolino, a via Posidonia mentre stava cedendo alcune dosi di stupefacente a dei ragazzi del posto. Dieci le dosi di eroina già pronte ad essere spacciate; Barbone che aveva con sé anche un coltello, è stato poi incastrato dalla perquisizione domiciliare. Gli inquirenti hanno infatti rinvenuto all’interno del suo appartamento ben 15mila euro in contanti ritenuti provento dell’attività di spaccio. L’arresto del giovane, già noto alle forze dell’ordine per precedenti specifici, è stato messo a segno nell’ambito di un servizio straordinario di controllo. Quaranta i militari impegnati e 18 le pattuglie che hanno operato fino alle prime luci dell’alba con l’ausilio di personale specializzato del NAS, di una unità cinofila antidroga del Nucleo Carabinieri Cinofili di Pontecagnano e di pattuglie di rinforzo del Comando Provinciale di Salerno. L’attività, voluta dal Comandante Provinciale dei Carabinieri di Salerno, inserita in una più ampia programmazione di servizi volti al contrasto della criminalità diffusa e la prevenzione del fenomeno delle stragi del sabato sera, ha portato non solo all’arresto di Barbone, ma anche di un giovane polacco 28enne senza fissa dimora, finito in manette per il reato di resistenza e violenza a pubblico ufficiale. L’uomo, visibilmente ubriaco, era stato segnalato come sospetto da alcuni cittadini nei pressi del supermercato Conad in Via delle Calabrie; alla vista dei militari ha cercato di sottrarsi al controllo causando lesioni guaribili in dieci giorni ad un carabiniere. I militari sono inoltre intervenuti a Vietri dove era stata segnalata una rissa: cinque le persone denunciate. F.V. 59enne, F.G. 61enne, F.A., 36enne, F.I. 31enne e G.F., 48enne, con il sequestro di 5 fucili da caccia. A Largo Campo è invece stato denunciato D.N., 25enne di Pontecagnano per il danneggiamento aggravato di alcune autovetture in sosta. 
Se l’è cavata con una denuncia a piede libero anche un altro giovane già noto ai carabinieri, C.G. 31enne salernitano, che è evaso dall’obbligo degli arresti domiciliari cui è sottoposto. I militari hanno inoltre notificato un decreto di espulsione dal territorio nazionale ad un cittadino extra-comunitario 25enne marocchino in Italia senza fissa dimora. 
Oltre 12.000 euro di sanzioni sono state elevate nell’ambito di una serie di controlli amministrativi sugli esercizi pubblici. Sequestrati cinque videopoker illegali in un circolo privato di Via Padula, sanzioni amministrative per alcuni kebab e paninoteche nel centro storico e per la discoteca “Forte la Carnale”, ove i Carabinieri sono stati costretti a far defluire all’esterno per motivi di sicurezza oltre 200 persone in esubero rispetto ai limiti massimi consentiti al locale, e dove gli stessi proprietari e avventori sono stati ben lieti di vedere effettuati controlli anche con l’ausilio delle unità cinofile antidroga.
La maxi operazione di controllo dei carabinieri non ha infine risparmiato i controlli su strada per prevenire la guida in stato di ebbrezza e l’allarmante fenomeno delle stragi del sabato sera. Controllate oltre 300 persone e circa 200 veicoli, decine di perquisizioni e patenti ritirate, 6 veicoli sequestrati, uno sottoposto a fermo amministrativo e diverse decine di contravvenzioni elevate. 
26 marzo 2013
Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->