Sindacati sul piede di guerra. Pronti allo sciopero generale

Scritto da , 13 novembre 2018
image_pdfimage_print

di Red.Cro.

Pronti a dichiarare lo sciopero generale le rappresentanze sindacali di Cisl, Cigl e Uil del Comune di Scafati. I comunali ieri mattina hanno tenuto un’assemblea in cui hanno discusso di quello che era il “presunto” accordo fatto con la Triade Commissariale e nell’ambito della delegazione trattante sul mancato pagamento delle performance degli anni scorsi e anche su una serie di questioni legate alla gestione del personale. I commissari hanno rimandato il pagamento sulla base di alcuni passaggi tecnico burocratici, ma la soluzione non convince i comunali. Sul caso sono intervenuti i sindacalisti di Cgil, Alfonso Rianna, Cisl, Giovanni Santonicola e Uil, Maria Bonaria Spiga: “Noi siamo totalmente convinti che quello che hanno detto non avverrà. Negli atti ci sono una serie di passaggi fatti con una serie di verifiche dell’attuale nucleo di valutazione che sconfessa quanto fatto nell’anno precedente. Su quella documentazione però erano state costituite le nostre discussioni: in quella documentazione si diceva che i Peg erano stati approvati il 1 dicembre, invece con la modifica della delibera 76 di luglio di quest’anno, quel passaggio scompare e si fa riferimento in merito alle performance all’approvazione del Documento unico di programmazione rimandando poi i Peg e la loro approvazione. Noi siamo sicuri che tutto ciò che loro hanno detto che tutti i passaggi che hanno approvato resteranno lettera morta e chiacchiere – dichiarano i sindacalisti di Cgil, Cisl e Uil – Siamo stanchi di queste promesse non mantenute, le maestranze hanno lavorato e chiedono legittimamente quello che gli spetta. Non siamo più disposti ad accettare chiacchiere. Siamo ancora in stato di agitazione e la nostra proposta, accolta dall’assemblea di stamattina è quella di dichiarare lo sciopero generale. Aspettiamo di chiudere lo stato di agitazione attuale con la convocazione dle tavolo in Prefettura dopo di che ,se non ci saranno segnali di fine di questa situazione, firmeremo il verbale negativo e vi comunicheremo la data dello sciopero”. Sulla questione dipendenti-Comune era intervenuto anche il Prefetto ma gli accordi presi al tavolo delle trattative erano stati disattesi ed in più, la querelle era finita nelle mani del Ministro Matteo Salvini, su pressing della deputata del MoVimento 5 Stelle Virginia Villani intervenuta sul caso.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->