Scognamiglio: “Non conosco De Luca. Dopo perquisizione ho mandato via mio marito”

Scritto da , 11 novembre 2015
image_pdfimage_print

“Non conosco assolutamente né De Luca, né Mastursi, né Vetrano con i quali non ho mai avuto contatti di alcun genere, né, quindi, ho loro mai chiesto, né potuto chiedere, alcun favore né per me né per mio marito”. Così il giudice Anna Scognamiglio in una dichiarazione diffusa dall’avvocato Giovanni Battista Vignola. “Se altri hanno assunto una iniziativa del genere, se ne assumeranno le loro responsabilità – spiega – per aver sfruttato, a mia totale insaputa, il mio nome e la conoscenza del fatto che ero stata designata quale relatrice del processo De Luca”. “L’unico elemento indiziante a mio carico, è costituito dal fatto che beneficiario della richiesta illecita rivolta al De Luca sarebbe mio marito il che potrebbe comportare, sul piano astratto, il legittimo sospetto di un mio coinvolgimento nei fatti. Nel mio caso – prosegue – però, un siffatto sospetto non ha motivo di essere poiché, da tempo, i rapporti con mio marito si sono fortemente incrinati tanto da indurmi, già tre anni orsono, a presentare in Tribunale un ricorso di separazione”. “La convivenza – sottolinea Scognamiglio – era solo formale e dovuta alla necessità di salvaguardare l’equilibrio psichico dei nostri due ragazzi ; insomma vivevamo da ”separati in casa” ed ognuno di noi aveva ed ha la sua vita, anche sentimentale, del tutto autonoma. Mai e poi mai avrei compromesso i miei principi morali e la mia professionalità allo scopo di procurargli illeciti vantaggi di carriera. Aggiungo, che dopo la perquisizione da me subita e dopo aver preso cognizione del capo di imputazione, ho posto fine alla convivenza, sia pure solo formale, con mio marito”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->