Scafati. Il Pd: “Aliberti fa solo propaganda, ma ammette il suo fallimento”

Scritto da , 24 novembre 2015
image_pdfimage_print

Di Adriano Falanga

“Aliberti fa solo propaganda ma implicitamente ammette che il bilancio del suo sindacato è fallimentare per cui pensi seriamente di farsi da parte se davvero, come dice, ama la sua città perché in questi anni non gli ha reso certo un buon servizio”. Altro che dialogo, dal Pd arriva un’altra secca bocciatura all’operato dell’amministrazione. “L’evento organizzato qualche giorno fa da Aliberti segna l’inizio della sua campagna elettorale – si legge in una dei democratici – parla di un volto nuovo della città per qualche piazzetta, qualche rotonda e il rifacimento di strade e marciapiedi. Ma che ne è dei problemi veri che Scafati vive quotidianamente?” Da qui un lungo elenco di quelle che, a loro dire, sarebbero incompiute: “Può dire che in circa otto anni della sua amministrazione il problema della sicurezza in città si è ridotto? No! Può dire che l’Ospedale chiuso durante il suo sindacato è stato riaperto come da lui promesso prima delle ultime amministrative? NO! Può dire che il problema degli allagamenti in città si è ridotto o si avvia verso una soluzione a breve? No! Quel PUC promesso ai cittadini e che avrebbe dovuto consegnare questa Amministrazione alla storia, Scafati lo ha avuto? NO, perché essendo contrario al Piano Territoriale Provinciale, è tutto da rifare! Ha dato alla città il suo Piano di Insediamento Produttivo? Ad oggi, NO! La reindustrializzazione dell’Area ex Copmes è stata ultimata? No ma il livello di indebitamento dell’Ente per tentare di salvare il progetto peserà sulle prossime generazioni per decenni. Il Polo Scolastico, unica vera opera verticale iniziata da questa Amministrazione ancora oggetto di promesse, ma a che punto è?! E che dire della riqualificazione del Quartiere Vetrai, del commercio in crisi, del traffico sempre più insostenibile? E’ su questi temi che Aliberti dovrebbe rispondere dell’operato della sua Amministrazione e non su quanto si deve fare nei prossimi anni”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->