Scafati. Coppola sotto pressione: “tentano di intimorirmi, ma confermo il consiglio al 17”

Scritto da , 6 novembre 2015
image_pdfimage_print

Di Adriano Falanga

Ancora controlli relativi a presunti abusi edilizi nei riguardi di Pasquale Coppola. Il presidente del consiglio comunale, a cui viene attribuita dalla maggioranza la responsabilità di aver bloccato il processo della decadenza di Pasquale Aliberti, negli ultimi giorni è soggetto a controlli della Polizia Municipale. Verifiche edilizie conseguenti a diverse denunce risultate frutto di autori inesistenti. Ma se risulta inesistente l’autore, non è ancora chiaro se lo è pure il contenuto. Coppola attribuisce il tutto a tentativi di intimidazione nei suoi confronti, mirati a destabilizzarlo nel suo ruolo sia istituzionale che politico. “A breve querelerò chiunque abbia contribuito e contribuisce a diffondere notizie su cui neanche il sottoscritto conosce la verità – scrive su Facebook, denunciando anche fughe di notizie riservate – Mi spaventa come la stampa sia venuta a conoscenza di presunti abusi riscontrati nella mia proprietà, quando gli stessi Vigili Urbani ancora non mi hanno formalmente elevato nessuna contestazione. Provvederò, oltre alla dovuta querela, anche ad informare il Prefetto di queste strane fughe di notizie”. Si dice fiducioso Coppola, che non lesina una pesante e neanche tanto velata accusa: “la mia casa è frutto di anni di lavoro dei miei genitori, e non certo l’ho costruita con gli stipendi della mia attività politica. Non vivo nel lusso e negli abusi. Io rispetto la legge. Infine, sia chiaro questo messaggio: può arrivare anche l’esercito a casa mia, ma il Consiglio Comunale resta convocato per il giorno 17 novembre”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->