Scafati. Centomila euro per le luminarie natalizie. E’ polemica

Scritto da , 22 Settembre 2015
image_pdfimage_print

Di Adriano Falanga

Centomila euro per l’acquisto di nuove luminarie natalizie, una spesa che seppur frutto di economie di progetti già finanziati, suscita non poche polemiche. “Sinceramente facciamo fatica a capire il perché della scelta da parte della giunta di integrare altre luminarie con circa 100 mila provenienti dai residui di vari mutui – è il commento dell’arancione Francesco Carotenuto – Premesso che è fondamentale agire nell’ottica di rendere la città appetibile e attrattiva, sia per i cittadini che per il tessuto commerciale, ma non saranno certo più luminarie a incidere qualitativamente”. Una somma cospicua, che gli attivisti del laboratorio politico di centrosinistra vorrebbero dirottare altrove. “Piuttosto si faccia più programmazione tenendo conto non solo dell’interezza della città, quindi periferie comprese, ma anche di un organo fondamentale in questo senso: la consulta dei commercianti, troppo spesso ostacolata nel suo ruolo consultivo e di proposta. Sarebbe preferibile investire di più non in luminarie, ma nell’organizzazione di eventi, magari itineranti; mercatini; pedonalizzare zone sensibili della città, solo in questo modo potremo dare spinta al commercio e rendere gradevole e vivibile la città ai nostri concittadini”. Dai commercianti della Consulta per ora nessun commento, a parte qualche voce fuori dal coro dimostratasi perplessa sulla Ztl promessa dall’assessore Nicola Acanfora. E c’è anche chi boccia la Notte Bianca, non tanto per l’evento in se, ma perché ritenuta inutile ai fini di una vera logica di rilancio commerciale, che punta a consolidare nel tempo la città, non limitandosi ad una sola serata.

SCAFATI IN MOVIMENTO: “Il Comune già pensa al Natale”

“Ancora non è finita l’estate e questa amministrazione già pensa al Natale!  Ed ecco che l’assessore Sicignano e il nuovo dirigente del settore energia Paolo Guadagno, su cui avevamo nutrito fin dall’inizio seri dubbi sulla sua recente nomina,  hanno infatti appena preventivato l’acquisto delle luminarie natalizie per ben 100 mila euro! Alla faccia della “conservazione e dell’uso razionale dell’energia “! questo è uno spreco di risorse pubbliche bello e buono che poteva essere destinato ad interventi decisamente  prioritari come il reddito minimo comunale che noi abbiamo proposto. Riteniamo infatti questa misura realmente necessaria per coloro che versano in condizioni di precarietà e povertà e che un’amministrazione seria dovrebbe premurarsi di intervenire  attraverso un contributo di dignità che può essere finanziato attraverso una riduzione a monte degli sprechi dell’ente comunale come appunto le suddette spese per le luminarie,  la riduzione delle consulenze come questa dell’ing. Guadagno.  A tal fine ricordiamo che stiamo raccogliendo i moduli dei disoccupati per richiedere questo contributo e che possono essere compilati ai nostri gazebo e che a breve protocolleremo al sindaco che non potrà più ignorare”

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->