Salernitana, la carica di Castiglia

Scritto da , 12 luglio 2018
image_pdfimage_print

Il momento di rompere il ghiaccio è arrivato anche per Luca Castiglia, che sembra estremamente carico in vista della nuova avventura con la Salernitana.

Il 29enne scuola Juventus, dopo il primo contatto con la realtà granata presso la nuova sede sociale, stamattina si è sottoposto alle rituali visite mediche. Al secondo round, coordinato dal dottor Italo Leo, con la preziosa collaborazione di Giuseppe Magliano, Davide Cuoco ed Angelo Mascolo, hanno preso parte anche altri volti nuovi. Con Castiglia c’era Davide Mazzarani, altro 29enne il quale, dopo essere sceso di categoria a Catania, cerca un definitivo rilancio della sua carriera.

Rifinitore, esterno in un tridente, seconda punta, interno di qualità, Mazzarani ha ricoperto diversi ruoli e forse proprio questo aspetto non gli ha permesso di esplodere del tutto, visto che ai tempi delle giovanili era considerato un possibile “crack”. A proposito di rilancio, anche Bellomo vuole mettersi alle spalle la parentesi in terza serie, per riappropriarsi di una categoria in cui è stato spesso protagonista. Al Check Up c’era anche Antonio Palumbo, a cui mister Colantuono sembra intenzionato a consegnare le chiavi della cabina di regia.

La scommessa, invece, è Emilio Volpicelli che, dopo una vita passata a far gol nelle serie inferiori, cerca la definitiva consacrazione in Serie B. Il primo ad arrivare, però, è stato Raffaele Schiavi, che da buon capitano ha voluto dare l’esempio ed ha accolto i nuovi compagni. Si sono sottoposti alle visite anche altri componenti della “vecchia guardia” (da Casasola a Signorelli, passando per Bocalon ed Odjer), non tutti certi di poter indossare la maglia granata anche il prossimo anno.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->