Sabia: “La mia esperienza medica potrebbe essere una risorsa per De Luca”

Scritto da , 17 Agosto 2020
image_pdfimage_print

Mentre continua frenetica la ricerca di candidati e partiti politici all’ultimo posto in lista, in casa Pd tutte le caselle della lista regionale che farà da architrave alla volata elettorale di Vincenzo De Luca alla presidenza della Regione Campania, sonocomplete. Tra consiglieri uscenti ed esordienti, spicca il nome della Dottoressa Gina Sabia per la prima volta candidata alla regione. Medico di Medicina generale, ha operato in provincia di Salerno e nel capoluogo da quasi quaranta anni. Cosa l’ha spinta a confermare questa candidatura alla Regione nelle file del Partito Democratico? “Innanzitutto mi sono sentita in dovere di sostenere con forza l’operato del governo regionale uscente, poi ho capito che la mia esperienza sul “campo di battaglia” può aiutare questa, spero, futura maggioranza a migliorare la sanità ed il rapporto delle istituzioni che hanno delega in merito alla Sanità con i cittadini che usufruiscono continuamente di servizi di questo genere”. Parliamo della sanità campana, quali sono a suo avviso i problemi da affrontare subito? “I problemi dei medici di base sono tanti, noi siamo stati considerati poco, anche nelle emergenze. Senza muoversi accompagnati da eccessivi protagonismi, io credo che bisogna da subito iniziare a trovare un tramite tra i colleghi medici di base che operano sul territorio della Regione Campania e l’istituzione stessa, in questo modo tutto funzionerebbe meglio, senza tanti investimenti o clamori da parte della politica regionale. ” Dopo l’esperienza Covid, il modello Pubblico-Privato in sanità è ancora quello da seguire? “Spesso la politica si interroga su problemi che non esistono. L’importante è arrivare alla cura e alla salute del cittadino col miglior risultato possibile minimizzando i costi. Dove può arrivare il privato o il pubblico, è bene che arrivino, senza sprechi di risorse. In questi mesi, con l’emergenza nata a seguito del Covid, il settore pubblico ha fatto la parte del leone, ma non dimentichiamoci che il coronavirus non è l’unico problema che affligge la nostra popolazione, ed in altri settori il privato spesso è una risorsa importante al fine di soddisfare la domanda di servizi sanitari da parte del cittadino” Il Covid influenzerà questa campagna elettorale sicuramente. Vaccino, Spostamenti dall’Estero, Apertura della Scuole. A quale di questi punti, se fosse in Regione Campania, darebbe la priorità? “L’individuazione e diffusione del vaccino che possa curare il coronavirus è, tra questi elementi, sicuramente prioritario, e credo che la regione debba prodigarsi al massimo. Spero che il Ministero faccia le scelte giuste sia in merito alla qualità del vaccino stesso, sia in riguardo alla politica di costo del vaccino stesso, che non deve essere occasione di marketing per nessuno”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->