Ruggi laboratorio di analisi. Felice Santoro: “Bene così”

Scritto da , 12 Marzo 2020
image_pdfimage_print

«Apprendo con soddisfazione l’attivazione del laboratorio di analisi dei tamponi al “Ruggi d’Aragona”. E’ una proposta che ho avanzato già da diversi giorni». Felice Santoro è consigliere comunale di Salerno, consigliere provinciale con delega alla sanità ma è anche un operatore sanitario che svolge la sua professione nel plesso di “Curteri” di Mercato San Severino. E’ un esperto di sanità e da tempo segue le sue problematiche. Ora più che mai nei giorni dell’emergenza Coronavirus. «E’ giusta anche la sospensione delle attività presso la struttura del “Da Procida” di Salerno che potrebbe essere destinato all’emergenza – spiega Felice Santoro – trasferendo la riabilitazione presso il “Ruggi d’Aragona”». Tra le altre proposte che avanza c’è la riattivazione della rianimazione dell’ospedale di Agropoli: «Indispensabile per fronteggiare alla carenza di posti letto che c’è o che comunque potrebbe verificarsi con l’avanzata dei contagi». «In questo momento – prosegue il consigliere comunale e provinciale – c’è la necessità di reperire posti letto, di attrezzare le strutture ma anche di reperire organico. Credo che tra breve medici ed infermieri in pensione saranno richiamati o comunque ci sarà la possibilità di un ritorno in servizio per chi vorrà». Ma c’è un fortuna, in questa emergenza: «Abbiamo superato il commissariamento alla sanità grazie all’impegno di Vincenzo De Luca. In caso contrario sarebbe stato davvero complicato superare il tutto. La media nazionale di posti letto per 1000 abitanti è di 3,2 mentre in Francia è di 7,5 e in Germania è del 8,2. Con il nuovo atto aziendale del Ruggi siamo passati al 3,7 a livello provinciale. Le tante stabilizzazioni e i tanti concorsi in essere nella sanità regionale hanno un unico artefice: Vincenzo De Luca». Naturalmente, prosegue: «Non si può consentire che ci sia un solo centro, quale è il Cotugno di Napoli, così come è incomprensibile che un malato del sud costi in più rispetto a quello del nord. Ma questi sono i danni di anni e anni di politiche nazionali contro la sanità». Infine, da politico auspica: «Un rinvio delle elezioni amministrative e regionali. Ma si decida presto».

andpell

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->