Risplendono gli affreschi di Santa Maria de Lama

Scritto da , 12 Giugno 2021
image_pdfimage_print

di Monica De Santis

Restituiti alla città gli affreschi longobardi della chiesa di Santa Maria de Lama. Ieri mattina le opere di inestimabile valore sono state finalmente restituite ai salernitani e ai tanti turisti che potranno finalmente goderne in tutto il loro splendore. Gli affreschi restaurati appartengono al primo lotto relativo agli affreschi di San Bartolomeo e dell’Anonimo riconosciuto, con molta probabilità, nella figura di San Luca, realizzati tra il X e l’XI secolo d.C. Le opere restaurate, sono l’unica testimonianza artistica del genere risalente all’epoca longobarda. Alla presentazione di ieri mattina hanno preso parte, oltre alla restauratrice Loredana Mastromartino, anche il vescovo di Salerno Monsignor Andrea Bellandi, il sindaco Vincenzo Napoli, l’assessore alla cultura Antonia Willburger, il Presidente Inner Wheel Italia- Club di Salerno est la dott.ssa Maria Caliulo e il Consigliere del Touring Club Italiano e Console Regionale della Campania l’ing. Giovanni Pandolfo.

“Salerno ha un tesoro di memoria, tradizione, di bellezza, che chiede di essere di essere custodito e valorizzato e soprattutto visibile al maggior numero di persone. – spiega monsignor Bellandi – Queste testimonianze del passato sono le radici dalle quali tutti noi dobbiamo ripartire, chiesa e società insieme. Ecco perchè il mio più grande desiderio è quello che si possa continuare a collaborare insieme, per poter rendere i tesori più belli di Salerno e la propria storia di fede e d’arte accessibile a tutti”. Soddisfatto per il restauro degli affreschi il sindaco Vincenzo Napoli.

“Oggi è un bella giornata perchè la città di Salerno rientra in possesso di questi favolosi affreschi che sono un tesoro prezioso per tutti noi. Il recupero delle opere di Santa Maria de Lama rientra in un progetto più ampio di recupero del centro storico, iniziato proprio con il mio primo mandato. Una tra le prime cose che ho predisposto come sindaco infatti è stato il recupero della gradinata che porta a questa splendida chiesetta. Ora con il recupero di questi affreschi abbiamo messo un altro tassello importante e sicuramente dobbiamo proseguire su questa strada di recupero e abbellimento del nostro patrimonio storico culturale”. I lavori di recupero degli affreschi della chiesa di Santa Maria de Lama, che lo ricordiamo, è gestita dal 24 Ottobre 2015 dai Soci del Touring Volontari per il Patrimonio Culturale, sono stati finanziati dal Club di Salerno Est dell’Inner Wheel Italia. Ma i lavori di restauro proseguiranno con un secondo lotto (quello relativo al Sant’Andrea) grazie al finanziamento dell’Amministrazione Comunale di Salerno.

“E’ un luogo della cultura questo – afferma l’assessore Antonia Willburger nel corso del suo intervento – perchè questa chiesa questa è si una chiesa piccola, ma al tempo stesso è molto grande per la sua storia che ripercorre uno dei momenti storici più importanti della nostra città, quello medievale e l’epoca longobarda. Questa chiesa, conserva, raccoglie e sta ridando alla luce gli affreschi Longobardi che credo siano unici non solo nella nostra città ma in tutta la Campania”. La presentazione di ieri mattina degli affreschi restaurati, del primo lotto, è stata anche l’occasione per presentare un grande progetto che partirà proprio da Santa Maria de Lama, ovvero la via dei Longobardi, che partirà da Salerno per arrivare fino a Benevento. Un progetto che vedrà a fine giugno il sindaco Napoli ed altri due primi cittadini firmare un protocollo d’intesa che darà il via a questo percorso storico di grande importanza.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->