Ripascimento, discarica di pietrisco

Scritto da , 23 Febbraio 2021
image_pdfimage_print

di Michelangelo Russo

Qualche settimana fa una sfilata di autorità regionali e cittadine ha magnificato il ripascimento della spiaggia di Mercatello, reclamizzata come futura rivale di Miami Beach o di Copacabana, a dir poco. Questi annunci epici hanno la tenerezza di quei sogni degli anni ’50, quando Salerno veramente sperò (ma certo più fondatamente delle sparate predette) di rivaleggiare con Montecarlo. E allora siamo andati sulla spiaggia di fronte allo stabilimento Colombo, sull’omonimo lungomare, per vedere il miracolo nascente della nuova Rimini tra l’Irno e il Picentino. Roba da non credere: la devastazione totale dell’arenile, dichiaratamente cresciuto per moltiplicare gli ombrelloni, ha la consistenza, l’aspetto e la polvere del sedime di una cava di pietrame in procinto di abbandono. Ma dove sta la sabbia? Quella riversata sulla spiaggia dilatata non è altro che brecciolina pungente che non ha mai visto le onde del mare

L’articolo completo sull’edizione digitale di oggi

Consiglia

Lascia un commento

Puoi eseguire il login con Facebook

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per completare inserire risultato e prosegui * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->