Rino Pauciulo:“Veniteci a dare una mano”

di Pina Ferro

“Ci sono tanti reparti ospedalieri dove non si opera se non d’urgenza e nei quali è l’attività è ridotta al minimo e gli ambulatori sono chiusi. Rivolgo un appello al personale medico e infermieristico di questi reparti: veniteci a dare una mano!” L’appello, postato su Facebook arriva dal dottor Rino Pauciulo. Il dottor Rino Pauciulo medico in pensione che ha già diretto, da primario, l’emergenza di Eboli e lavorato, per anni, in Chirurgia d’urgenza e nel Pronto soccorso di Nocera Inferiore, è stato chiamato, alcune settimane fa a sovraintendere tutte le attività, sanitarie e organizzative, del Pronto soccorso dell’ ospedale scafatese “Mauro Scarlato”. Rientrato in servizio sta prestando la sua opera per aiutare a superare il particolare momento che si sta vivendo. “Ho fatto una riflessione – scrive ancora -ci sono tanti medici ed infermieri, quelli che voi definite eroi, che si ammazzano di lavoro notte e giorno per questa tremenda emergenza”. E poi ci sono quelli che continuano a prestare servizio nei reparti la cui mole di lavoro è diminuita notevolmente. Ed è proprio a questi che il medico, attraverso lo sfogo su facebook, canale che non utilizza quasi mai, si è rivolto. Un maggior numero di persone nelle zone calde degli ospedali consentirebbe lo svolgimento delle attività in maniera meno stressante probabilmente. Chissà se l’appello del già primario sarà accolto da qualcuno. Al momento restano i turni massacranti a cui sono sottoposti medici ed infermieri che lavorano nel reparti dedicati al trattamento dei pazienti affetti da Covid, cos’ come mostrano le tante immagini che in questi giorni sono rimbalzate sulle tv nazionali e sulla stampa.