Raffaele Battista: tutto iniziò con Roma-Salernitana

Scritto da , 11 Gennaio 2021
image_pdfimage_print

di t.d’a.

Raffaele Battista, uomo di Stato e tifosissimo della Salernitana. Una carriera infarcita di successi professionali e conclusa nella sua Salerno. “Niente pantofole – assicura Battista”. E’ pronto a ricominciare con altri compiti e in altre vesti. Ma la Salernitana è la Salernitana. E lui divenne, come dirigente della Questura di Salerno, il custode di una tifoseria che negli anni ’90 visse il suo momento magico”. “Tutto iniziò nel campionato di serie A 1998-99- con la prima trasferta di campionato all’Olimpico contro la Roma. Oltre 80 pullman in partenza dalla nostra città e una marea di auto. Il Questore mi affidò il servizio d’ordine, con me l’immancabile ispettore Palladino. Facemmo il concentramento all’Arechi. Bastò una stretta di mano con i capi ultras, andò tutto alla perfezione nonostante la sconfitta e quel gol che ci illuse di Song che portò in vantaggio i granata”. Era il settembre del 1998. Il derby con il Napoli nel marzo del 2002.

L’articolo completo sull’edizione digitale di oggi

Consiglia

Lascia un commento

Puoi eseguire il login con Facebook

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per completare inserire risultato e prosegui * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->