Psi, Maraio affonda Di Lello: Non sa che è un ospite sgradito nel Pd

Scritto da , 29 novembre 2015
image_pdfimage_print

La diatriba tra socialisti ed ex non finisce mai. Il là lo dà un comunicato di Marco Di Lello, recentemente passato al Pd. E’ la sintesi dei lavori della sua nuova ssociazione. A cui replica duramente il consigliere regionale Maraio. Di lello spiega: “Non una corrente ma un cantiere di idee per contaminare il piu’ grande partito progressista d’ Europa, il Pd. Portando la piu’ straordinaria idea del ‘900 nel secolo nuovo”: così l’ex capogruppo Psi alla Camera Marco Di Lello, che insieme ai colleghi Lello di Gioia e Giuseppe Lauricella ha promosso S&D (Socialisti & Democratici), ha concluso i lavori della prima iniziativa pubblica dell’ associazione che riunisce i Socialisti che guardano al Pd, tenutasi oggi a Napoli. All’iniziativa, aperta dalla coordinatrice Claudia Bastianelli in una scenografia da “cantiere” con caschi e attrezzi di lavoro e un semaforo a dare i tempi, hanno partecipato – informa una nota – il sottosegretario Umberto Del Basso De Caro, Gennaro Migliore, Felice Iossa, Luigi Simeone, Valeria Valente, Stefano Graziano, Massimilano Manfredi, Teresa Armato, Mariano d’Antonio e la dimissionaria segretaria Uil Campania Anna Rea. Messaggi sono stati inviati da Gianni Pittella, presidente del gruppo parlamentare Pse, e Assunta Tartaglione, segretaria regionale del Pd in Campania. “Investire nel mezzogiorno è la precondizione per far crescere l’Italia”, ha aggiunto Lello Di Gioia. Le prossime iniziative della neonata associazione a Perugia il 10 ed a Milano il 14 dicembre. Poche ore dopo il comunicato al vetriolo di Maraio. “A differenza da chi fugge in solitudine dall’unica vera casa socialista – ha detto Maraio riferendosi all’associazione “Socialisti & Democratici”, promossa da Marco Di Lello, con la quale l’ex parlamentare socialista aderisce al PD – anche grazie a chi è andato altrove, nel PSI in Campania si registrano nuove adesioni e la classe dirigente del partito si é ricompattata. Di Lello oggi a Napoli – ha aggiunto Maraio – sta millantando numeri e adesioni che sono stati in gran parte smentiti dai diretti interessati: quasi nessun amministratore e dirigente del partito socialista campano ha dichiarato di aderire al suo progetto. Ã evidente che l’unico vero obiettivo che il deputato sta perseguendo è del tutto personalistico”, ha concluso Maraio, secondo il quale Marco Di Lello “si sta preparando alle future scadenze elettorali nazionali. Dal PD campano qualcuno gli ha già fatto sapere che non é ospite gradito”. A dar man forte a Maraio anche il neo presidente regionale del partito Cicalese. “Auguro il meglio all’onorevole Di Lello – ha concluso Cicalese – che ho personalmente appoggiato, con una forte battaglia mediatica e sui territori, quando meno di un anno fa correva a nome del PSI alle primarie del centrosinistra per divenire il candidato governatore della coalizione. La sua scelta di promuovere l’ideale socialista allontanandosi dall’unica vera casa del socialismo in Italia, è però quantomeno discutibile. Una scelta solitaria che ha invece rinvigorito il PSI e la Federazione Giovanile su tutti i livelli, dal locale al nazionale: già dalle prossime Comunali la sfida sarà accolta con entusiasmo ed energia da tutti i tesserati e da chi fortemente appoggia i nostri ideali, contrastando le fughe solitarie fini a loro stesse”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->