PONTECAGNANO. Violenta rapina in villa. Arrestati tre pregiudicati.

Scritto da , 16 Maggio 2015
image_pdfimage_print

Violenta rapina quella consumatasi questa notte in una villa isolata nella zona di Pontecagnano Faiano e che ha visto per protagonista involontario un commerciante che al rientro, dopo una giornata di lavoro, mentre stava per aprire il portone di ingresso è stato aggredito da tre persone completamente incappucciate, ed armate di un grosso machete e di una mazza da baseball che lo hanno costretto a farli entrare in casa.

Da quel momento sono iniziati circa trenta minuti terribili per la vittima, che abita da sola.

I malviventi, forse seguendo l’indicazione di un informatore, cercavano un prezioso dipinto, un Picasso del valore di svariate migliaia di euro. All’interno dell’abitazione i malviventi non hanno però trovato un solo dipinto ma una vera e propria galleria d’arte tanto da esser costretti a legare ad una sedia, imbavagliarla ed a percuoterla ripetutamente [tanto da procurargli traumi multipli al volto giudicati guaribili in sette giorni] la vittima per costringerla ad indicare loro le tele di maggior pregio.

Circa trenta minuti interminabili durante i quali il proprietario delle tele non ha svelato il segreto, sino a quando, forse disturbati dal transito di un’auto, i malviventi hanno desistito dalla loro azione, accontentandosi di portar via un telefono cellulare, il portafoglio contenente 500 euro e la Lancia Y  della vittima con la quale si sono dati a precipitosa fuga.

E’ stato il controllo, operato dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Battipaglia che nel cuore della notte hanno intercettato uno degli arrestati, stranamente con indosso ancora una tutta da cantiere, a dare l’avvio alle indagini che hanno permesso di individuare ed arrestare  i tre malviventi.

La prima perquisizione all’auto del fermato permetteva, infatti, di rinvenire e sequestrare   le armi utilizzate, il telefono cellulare rapinato ed il materiale idoneo al travisamento, mentre le successive indagini consentivano di:

–       ricostruire l’episodio delittuoso, non ancora denunciato dalla vittima che era riuscita a liberarsi solo dopo numerosi tentativi raggiungendo una vicina abitazione;

–       individuare ed arrestare anche gli altri due responsabili;

–       recuperare e restituire alla parte offesa l’intera refurtiva, compresa l’auto trovata nascosta in un parcheggio privato di Battipaglia.

I tre arrestati G.T. 44enne; D.P. 32enne e D.A. 34enne, tutti di Battipaglia e volti noti dei Carabinieri, sono stati tratti in arresto con l’accusa di rapina pluriaggravata, sequestro di persona e lesioni personali e tradotti presso la Casa Circondariale di Salerno.

Sono in corso ulteriori attività investigative per tentare di individuare i canali attraverso i quali i dipinti  sarebbero stati immessi sul mercato.

 

Per notizie sull’attività operativa dei comandi dell’Arma, compresi quelli della provincia di Salerno, si consiglia di visitare il sito internet www.carabinieri.it (area tematica: il cittadino/Informazioni/comunicati stampa).

 

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->