Pesca di datteri, sequestrato centro sub

Scritto da , 30 Dicembre 2018
image_pdfimage_print

di Redazione Regionale

«L’azione costante e capillare degli Uomini della capitaneria di porto e dei carabinieri ha fatto registrare un nuovo ed importante successo nella lotta quotidiana alle illegalità ambientali». A parlare così il ministro dell’ambiente Sergio Costa in merito al duro colpo inflitto ai “datterai” in vista del cenone di fine anno.
A Castellamre di Stabia, infatti, gli uomini della capitaneria di Porto e i carabinieri del nucleo sommozzatori di Napoli – coordinati procura della Repubblica di Torre Annunziata dopo un’accurata indagine mirata al contrasto della pesca dei datteri hanno sequestrato un centro sub illegale che aveva come obiettivo principale la pesca dei datteri di mare. Quella delle forze dell’ordine è stata un’azione condotta in sinergia dagli uomini della Capitaneria di Castellammare di Stabia e i carabinieri che hanno così sequestrato per reati ambientali, le bombole da sub, del locale usato per ricaricarle, e alla denuncia dei titolari dell’attività commerciale.
«La pesca del dattero è un’attività illegale particolarmente odiosa, in quanto in poche ore i famigerati datterai distruggono vaste aree di costa. Ma è sempre bene ricordare che commette un reato anche chi alimenta questo mercato illegale con l’acquisto e il consumo», ha dichiarato il ministro Sergio Costa. La base logistica dei datterai si trovava a Pozzano, la zona dei lidi di Castellammare di Stabia, dove i pescatori di frodo avevano allestito il centro di ricarica di bombole per l’attività da sub.
Nell’ambito dei controlli, i militari hanno sequestrato presso l’attività illegale anche decine di autorespiratori e bombole, molte delle quali con matricola abrasa e di presunta proprietà di soggetti noti come “pescatori di frodo di dattero di mare”, già in passato deferiti alla competente autorità giudiziaria e destinatari di provvedimenti restrittivi e misure cautelari.
Si presume che i numerosi autorespiratori carichi, pronti per l’uso, presenti nel deposito posto sotto sequestro erano destinati ad essere usati nei prossimi giorni dai pescatori di frodo per immersioni destinate alla raccolta di datteri di mare da destinare al mercato illecito, nell’imminenza del tradizionale cenone di fine anno per imbandire le tavole dei facoltosi clienti, disposti a pagare anche 150 euro al chilo il prezioso mollusco.
Già nei giorni scorsi, gli uomini guidati dal capitano di fregata Ivan Savarese, avevano sequestrato 50 chilogrammi di frutti di mare, tanto preziosi quanto proibiti, e denunciato tre persone, tra l’altro già note per la pesca di frodo dei datteri di mare. In quel caso, i tre stabiesi avevano razziato il tratto di costa di punta scutolo, con appoggio a Vico Equense e arrivo in barca nel porto di Castellammare. Intanto, su tutto il territorio campano continuano i controlli per prevenire reati in materia ittica in vista del cenone di Capodanno.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->