Perrone: «I giovani? Devono crescere»

Scritto da , 2 Marzo 2013
image_pdfimage_print

SALERNO. Molto più sereno rispetto ad una settimana fa, Carlo Perrone presenta la partita in programma questo pomeriggio allo stadio Arechi contro l’Hinterreggio: “E’un avversario che sta facendo bene, fisicamente sono in crescita ed hanno anche buone individualità, c’è qualità sia in mezzo al campo, sia in avanti, mentre dietro hanno elementi di esperienza. Sarà una partita difficile, il loro allenatore sta dimostrando di essere una persona preparata, ciò che mi conforta è che il campo sembra in condizioni migliori rispetto alle scorse settimane. Non ho dubbi di formazione, presumibilmente potremmo tornare anche a giocare con il 4-3-1-2, a quel punto uno dei difensori centrali resterà fuori malgrado tutti abbiano disputato sin ora un ottimo campionato. Siamo consapevoli che ci giochiamo una gara importante, al di là del record dobbiamo vincere per noi stessi e per avvicinarci alla promozione”. Sul mancato utilizzo di alcuni giovani di proprietà (Gustavo e Vettraino, quest’ultimo addirittura aggregato alla Berretti) e di altri non appartenenti all’area Lazio (Cristiano Rossi), il mister risponde così: “Ho il polso della situazione durante tutta la settimana, i giovani devono crescere e se si abbattono se giocano poco non potranno diventare dei grandi giocatori. Gustavo avrà le sue opportunità ma ad ora abbiamo trovato un nostro equilibrio, non so quando e quanto giocherà; Cristiano Rossi ha fatto bene con l’Aprilia, poi sono arrivati anche altri giocatori e per me deve ancora migliorare molto nella difesa a 4”. Sul tema Iannarilli, Perrone si esprime così: “Siamo tutti vicini ad Anthony, ho letto con gioia le parole di Tosto che proponeva di farlo entrare in campo nella partita decisiva anche solo per un minuto, vedremo se ci sarà la possibilità. Abbiamo fiducia in Dazzi, ha sempre lavorato con grande serenità e serietà, ma è chiaro che per andare avanti in campionato serve un altro portiere che sarà il numero 12: stiamo cercando una persona motivata, che rispetti le gerarchie e che sia tecnicamente valida, a questo punto della stagione e con una Salernitana prima in classifica sarebbe assurdo se qualcuno avanzasse richieste economiche elevate”. Infine sui tifosi: “Non credo che Lotito si arrabbierà per lo scarso afflusso, poi se la Lazio perde a Milano tutto è possibile. Scherzi a parte, credo che il bel tempo potrebbe portare qualche spettatore in più, sugli spalti ci saranno i soliti 4-5mila pronti a sostenerci dal primo all’ultimo minuto e siamo contenti così”
 

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->