Pdl, scintille tra Aliberti e il senatore Esposito

Scritto da , 11 Gennaio 2013
image_pdfimage_print

Avrebbe dovuto incontrare la Carfagna ed invece il sindaco di Scafati Pasquale Aliberti, nella sede di via Porta Elina ha incontrato il senatore Giuseppe Esposito. «Eccomi sono io», avrebbe esclamato il senatore verso il quale proprio Aliberti, nel corso dell’ultima confererenza stampa aveva dichiarato: «Si può candidare Esposito che è senatore ma che non ho mai avuto il piacere di conoscere?». Così ieri sera l’incontro tra i due c’è stato. E secondo i presenti non sembra che sia stato tanto cordiale. Anzi i toni sembra siano stati abbastanza alti, talmente alti da costringere entrambi a lasciare la sede. In particolare Aliberti avrebbe preferito perfino non aspettare la Carfagna e lasciare il coordinamento provinciale «per evitare che la situazione degenerasse», racconta. «Forse c’è troppo nervosismo», spiega Aliberti, «le nostre richieste (il gruppo che vede anche Russo, Paolillo e D’Onofrio tra i sostenitori, ndr) stanno arrivando anche sui tavoli regionali e nazionali. Fondamentalmente noi siamo contrari alla riproposta degli uscenti e naturalmente questo crea nervosismo tra chi attende la ricandidatura».
Tra l’altro, al momento, Esposito sembrerebbe il più garantito. Non fosse altro che per il sostegno di Renato Schifani che avrebbe imposto qui a Salerno la ricandidatura del senatore di Angri. Ma nonostante ciò l’aria della sede di Porta Elina sembra sia abbastanza pesante, dovuta ad un clima di attesa di decisioni che fondamentalmente dovranno arrivare da Roma e quasi sicuramente dal Cavaliere in persona. Allo stato, così come dichiarato dallo stesso Nitto Palma (coordinatore regionale del Pdl) non ci sarebbe nulla di certo. Forse l’unica certezza, almeno per quanto riguarda la seconda circoscrizione, è solo la candidatura di Mara Carfagna. Per il resto, è tutto ancora da definire. Comprese le posizioni, ancora non del tutto affrontate del gruppo di Aliberti e Russo. Il sindaco di Scafati, infatti, sarà costretto a ritornare ora al coordinamento provinciale di Salerno per incontrare Mara Carfagna. Salvo, naturalmente nuovi imprevisti.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->