Partiti i saldi in Campania, «Scegliete i negozi sotto casa»

Scritto da , 22 Luglio 2020
image_pdfimage_print

Partiti ufficialmente i saldi in Campania. Nella giornata di lunedì, infatti, la Conferenza Stato-Regioni ha concesso ai Consigli Regionali di scegliere autonomamente quando dare inizio alla stagione dei saldi. Conseguentemente, in Campania si è deciso di far partire i saldi già nella giornata di ieri. «Abbiamo deciso di anticipare a questa mattina l’inizio dei saldi. Abbiamo ritenuto indispensabile partire prima possibile per dare respiro al mondo del commercio. Siamo Convinti che questo potrà consentire una ripresa dei consumi in un momento particolarmente difficile anche per questo comparto», ha dichiarato il presidente De Luca. Tale decisione, al contrario di quanto possa sembrare, non favorirà i piccoli e medi imprenditori bensì la grande distribuzione, in quanto i commercianti che gestiscono piccole attività non riusciranno ad attrezzarsi adeguatamente per questo improvviso inizio dei saldi con la stessa facilità delle grandi catene di distribuzione, le quali risulteranno più attrattive per i consumatori a discapito dei commercianti locali. «Le imprese hanno bisogno di programmazione e non di incertezze. I saldi sono un momento importante che non può trasformarsi nell’ennesimo punto a favore della grande distribuzione. Accogliamo con favore l’apertura anticipata dei saldi ma riteniamo che sarebbe stato più opportuno concedere qualche giorno in più ai commercianti per organizzarsi al meglio», ha dichiarato Pietro Vivone, Presidente Nazionale FedApi – Federazione Artigiani e Piccoli imprenditori. «Ribadiamo pertanto la medesima proposta che abbiamo già avanzato negli anni scorsi: si conceda ai piccoli commercianti di far partire i saldi una settimana prima rispetto ai negozi presenti nei centri commerciali ed alla grande distribuzione in genere. Non dobbiamo dimenticare che il successo dei piccoli commercianti crea benefici per tutto il territorio», ha poi aggiunto Vivone che lancia un appello ai consumatori: «scegliete i negozi sotto casa piuttosto che i centri commerciali e approfittatene per fare una passeggiata nella vostra città». A rivendicare il merito per la decisione di anticipare i saldi è il Movimento 5 Stelle, attraverso la candidata alla presidenza della Regione Campania e capogruppo regionale Valeria Ciarambino. «Oggi (ieri per chi legge ndr) con l’anticipo dei saldi ho ottenuto una vittoria importante per i commercianti e le famiglie della Campania. De Luca è sempre stato nettamente contrario ad anticipare i saldi in Campania rispetto alla data inizialmente fissata del primo agosto mentre oggi, ipocritamente, si finge paladino dei commercianti. La verità è contenuta, nero su bianco, in una mozione a mia firma che abbiamo fatto approvare all’unanimità dall’aula del Consiglio regionale ed è stata inserita come primo punto all’ordine del giorno della Conferenza Stato Regioni di ieri (lunedì per chi legge ndr) – ha dichiarato la Ciarambino – Di contro, la Regione Campania, fin da principio, aveva accettato la data unica decisa a livello nazionale del primo agosto. Ed è solo grazie alla nostra proposta, recepita ieri dalla Conferenza delle regioni, di delegare alle regioni la scelta della data di inizio della stagione degli sconti, che le famiglie della Campania potranno da oggi tornare nei negozi della nostra regione. Una battaglia che abbiamo condotto alla testa dei rappresentanti degli esercenti e delle imprese della Campania, il cui appello alla Regione di anticipare i saldi è stato rispedito più volte al mittente proprio da De Luca e dalla sua giunta. Oggi è solo grazie al Movimento 5 Stelle se in questo momento difficile sarà portato un po’ di ossigeno alle nostre imprese e a tutte le famiglie della Campania, che potranno così risparmiare».

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->