Palumbo: Paistom non rischia

di Mario Marrone

Il sindaco di Capaccio Paestum, Franco Palumbo, ha indirizzato una lettera aperta all’attenzione degli operai della Paistom. Una lettera accorata, istituzionale, ma soprattutto dal carattere umano e comprensivo. Il primo cittadino, prima di passare allo specifico, traccia un incipit e cita il primo articolo della Costituzione, laddove i Padri della Repubblica Italiana attribuiscono la sovranità al popolo. «Nonostante il Paese attraversi una forte crisi occupazionale – scrive Palumbo ai lavoratori – il vostro Sindaco è sempre attento a questa tematica relativa al lavoro, elemento imprescindibile per dare dignità e decoro ai cittadini. E’ molto facile ingenerare terrorismo psicologico, quando si parla di lavoro, nelle vostre menti perché avete il bisogno e il diritto di sostenerle vostre famiglie». Per poi dare fondo al suo pensiero polemico. «In questi giorni, a Capaccio Paestum, alcuni pseudo sindacalisti fomentati di qualche politicante incapace, stanno cercando di somministrarvi notizie false, generando preoccupazione». Per cui il sindaco ha ritenuto opportuno tranquillizzare tutti lavoratori della Paistom e le loro famiglie. «Questa Amministrazione – assicura ancora il sindaco Franco Palumbo – sta procedendo per la vostra stabilizzazione. Ho evitato per tre volte il vostro licenziamento, sarebbe stato facile per me farlo, per mancanza di risorse economiche atte a garantire gli stipendi. Se lo avessi fatto, non sarei stato il sindaco di tutti, e non avrei ottemperato alle promesse fatte alla Città. Quindi tranquilli e sereni, il sindaco è dalla vostra parte».