Nuova Ises, il Pm chiede il processo per 13 persone

Scritto da , 11 ottobre 2018
image_pdfimage_print

Il Pm Dina Cassaniello ha chiesto il rinvio a giudizio per tredici esponenti della Nuova Ises: Tullio Gaeta, Giovanni Bellantonio, Alberto Gaeta, Cosetta Sica, Anna Palladino, Temistocle Cimmino, Massimo Cataldo, Tiziana Opromolla, Lucia Dabbene, Lucia Scocozza, Rosa Morriello, Teresa Cuozzo e Maria Stella Sansone. Undici imputati su tredici sono difesi dall’ex sindaco Melchionda (già amministratore dell’Ises). Ieri l’udienza preliminare davanti al Gup D’Ascoli che ha rinviato tutto a gennaio. Gli imputati devono rispondere di accuse – «infondate» si legge in una nota – contro Antonio Petrone e Teresa Di Candia, consiglieri comunali di Leu. Nell’esposto dei 13 firmatari, Petrone e Di Candia erano accusati di «arrecare danno al funzionamento corretto del Comune». Secondo i soci della Nuova Ises c’è una lobby in Comune che favorisce la clinica Elaion. «Tutto falso» si legge in una nota. Petrone e Di Candia nel consiglio del 16 dicembre 2016 espressero perplessità sull’assegnazione della Casa del Pellegrino alla Nuova Ises. L’Anac di Cantone, la Regione e l’Asl di Salerno avevano fatto lo stesso. La Procura della Repubblica di Salerno (Pm Cassaniello) ritiene che le accuse dell’Ises siano campate in aria. Petrone e Di Candia, e il presidente dell’Elaion (De Vita) si sono costituiti parte civile. In aula a gennaio saranno rappresentati dall’avvocato Federico Conte. C’è poi una seconda inchiesta. La Procura ha avviato un’indagine per ricettazione

Consiglia

Lascia un commento

Puoi eseguire il login con Facebook

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per completare inserire risultato e prosegui * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->