Nocera S. Il parco dell’arte per avvicinare Nocera alle contaminazioni artistiche contemporanee

Scritto da , 22 novembre 2015
image_pdfimage_print

NOCERA SUPERIORE. L’ampio spazio che fronteggia la Scuola Media Pascoli-Fresa di Nocera Superiore si è vestito di verde per iniziativa delle docenti Maria Anna Giugliano e Rosanna Ascione. Piantine grasse, piante officinali e piante ornamentali delimitano con le loro rispettive essenze arboree ampi spazi dove troveranno posto opere di prestigiosi maestri contemporanei che con la loro presenza daranno un volto nuovo non solo alla Scuola Fresa ma all’intera città. «Il Parco -dice il Dirigente Scolastico, dott. Michele Cirino- segna l’apertura di una pagina nuova per questa scuola che, aprendosi al bello, prepara un futuro migliore alle giovani generazioni». Ormai è davvero imminente l’inaugurazione del “Parco dell’Arte” al quale lavora con certosina passione il Prof. Giovanni Cuofano, già ideatore dell’ambizioso progetto di trasformare i rifiuti in opere d’arte. Intuizione, questa, che fece vincere alla scuola nocerina il Leone d’argento alla Biennale di Venezia. Il parco dell’arte, -che domani verrà salutato da un concerto arricchito da  coro e danze che avrà luogo nella locale Biblioteca “Aldo Moro” con inizio alle 19.30-, riprende una contaminazione dell’arte contemporanea con la natura che è stata già ampiamente sperimentata in altre città, a cominciare da Catanzaro. Qui è nato il prestigioso “Parco della biodiversità”, ormai ricco di opere ragguardevoli che si radicano nella natura, premurosamente vigilati nella loro conservazione dal civismo dei  residenti. Tra le prime grandi sculture ad entrare nel parco della scuola Fresa ci sarà un Pinocchio gigante a forma di caffettiera napoletana, opera di Riccardo Dalisi che col suo dono ha propiziare un modo nuovo di avvicinare i ragazzi all’arte.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->