Nicola Landolfi si scopre liberale: «Il mercato non è il diavolo»

Scritto da , 10 Luglio 2013
image_pdfimage_print

Un dibattito strumentale sulla Centrale del Latte. Parola di Nicola Landolfi, segretario provinciale del Pd che in poche righe liquida il Movimento 5 Stelle ed anche i colleghi di maggioranza di Sel. E non solo. A dispetto delle radici comuniste, Landolfi s’adegua ai giorni nostri e dichiara: «Il mercato non è il diavolo».«Invito gli amici di Sel a non forzare ideologicamente sul punto. Nemmeno nei paesi dell’est, i comuni producevano il latte», sostiene Landolfi che prosegue: «La Centrale del Latte è sul mercato. Vendere non vuol dire liquidare; significa, al contrario, rilanciare un marchio, un prodotto e mettere in sicurezza l’occupazione e il futuro». Contrario alla procedura di vendita della municipalizzata è il consigliere provinciale Salvatore Memoli che su Facebook attacca: «Tra tutte le decisioni contestabili, credo che quella di vendere la Centrale del latte sia la più scriteriata, un atto di irresponsabilità. Dietro la Centrale ci sono reti di allevatori e di produttori di latte da stalla.Se non si ritirerà più il latte significa far morire un pezzo di agricoltura,di zootecnia,di vita della nostra Provincia. Grazie De Luca, grazie Consiglio Comunale i Salerno!».

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->