Navette Busitalia in servizio, gli autisti fanno un passo indietro

Scritto da , 13 Novembre 2019
image_pdfimage_print

di Erika Noschese

Sembra essere ormai tutto pronto per la XIV edizione di Luci d’artista, la kermesse natalizia che ogni anno – e fino alla fine del mese di gennaio – illumina a festa la città di Salerno. L’inaugurazione è infatti prevista per venerdì, alle 17.30, presso la Villa Comunale. Nel frattempo però a tenere banco sono le navette che Busitalia dovrebbe mettere a disposizione dell’amministrazione comunale per garantire il servizio soprattutto nei fine settimana e nei giorni festivi. Ci saranno? Pare che i vertici dell’azienda che gestisce il trasporto pubblico su gomma in provincia di Salerno abbia firmato, nei giorni scorsi, l’accordo con il Comune, mettendo a disposizione mezzi e dipendenti che avranno il compito di portare, da un lato all’altro della città, turisti e visitatori. Le navette percorreranno il medesimo percorso degli anni passati, ossia da piazza della Concordia raggiungeranno la zona dello stadio Arechi dove saranno messi a disposizione i parcheggi per i visitatori. Ma se gli scorsi anni, i dipendenti sembravano propensi a svolgere questo tipo di servizio, quest’anno sono nati i primi malumori e battibecchi. Fino all’anno passato, infatti, l’azienda su otto ore di turno su navetta pagava agli autisti disposti a lavorare in occasione di Luci d’artista, otto ore di straordinario mentre quest’anno, in base all’accordo raggiunto con il Comune, ai dipendenti in servizio sulle navette verrebbero pagati 6.30 euro di ordinario e solo 1.30 euro di straordinario. Una decisione che sembra non piacere agli autisti, molti dei quali avrebbero già deciso di fare un passo indietro, se non dovessero cambiare le condizioni lavorative. L’azienda, qualora si trovasse spalle al muro con gli “storici” dipendenti di Luci d’artista, sembra avere già un asso nella manica. Se quest’anno non dovessero esserci “volontari” (ossia dipendenti che scelgono di farsi la kermesse) i vertici Busitalia metteranno a lavoro i nuovi dipendenti. Inoltre, proprio per il mese di dicembre, l’azienda che gestisce il Tpl ha in programma nuove assunzioni part time. Insomma, le navette anche quest’anno ci saranno, fermo restando che l’azienda dovrà garantire prima il servizio ordinario e poi quello straordinario, nonostante il dietrofront degli autisti che senza il pagamento in toto degli straordinari non sono disposti ad accettare il servizio. E dovrebbero entrare a pieno regime già la settimana successiva all’inaugurazione, nel fine settimana del 23 e 24 novembre.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->