“Mi è stato negato il diritto al voto per un timbro”

Scritto da , 22 Settembre 2020
image_pdfimage_print

“Mi è stato negato il diritto al voto per una mera questione di timbri”. A denunciarlo un elettore salernitano che, ieri mattina, si è recato presso il seggio elettorale a cui è iscritto, la sezione 46 della scuola Medaglie d’oro. “Nel corso della mia vita ho sempre votato, stamattina (ieri per chi legge ndr) mi sono recato al seggio elettorale anche con una certa fretta ma una volta entrato e aver presentato la tessere elettorale uno degli scrutatori mi ha detto che non potevo votare in quanto la tessere era piena”, racconta amareggiato l’uomo. Dopo aver fatto presente che alle scorse tornate elettorale i timbri sono stati messi fuori dallo spazio adibito lo scrutatore nega il diritto al voto, suggerendo al cittadino salernitano di doversi recare presso l’ufficio anagrafe per richiedere una nuova tessere elettorale. “Ho chiesto l’intervento del presidente di seggio a cui ho provato a spiegare di essere di fretta e di non fare in tempo per esprimere il mio diritto al voto ma nulla, mi hanno detto di andar via”. Il presidente, di fatti, ha provveduto a chiedere l’intervento delle forze dell’ordine per allontanare l’uomo dal seggio elettorale. “Ho chiesto di mettere a verbale di non aver potuto votare in quanto la tessera elettorale era al completo e, alla fine, i carabinieri mi hanno allontanato, costringendomi ad andar via”, ha poi aggiunto l’uomo sottolineando che gli è stato negato il diritto al voto per un timbro che, ha aggiunto, “attesta solo che io ho votato e non ha alcun particolare significato. Credo si tratti solo di eccesso di zelo da parte del presidente che si è vestito da autorità per allontanarmi e non farmi votare – ha aggiunto – Anche fuori dagli spazi consentiti, sulla mia tessera ci sono altri due timbri e potevano farlo anche in questo caso”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->