Mazzette per i favori, Salvato sotto torchio. L’imprenditore nocerino finito ai domiciliari atteso oggi dall’interrogatorio di garanzia: da chiarire le posizioni di altri 7 indagati tra cui tutori dell’ordine ed ex impiegato del Tribunale

Scritto da , 20 Ottobre 2021
image_pdfimage_print

Mazzette agli “amici” per avere informazioni su inchieste che lo riguardano e coperte da segreto istruttorio: oggi il 40enne nocerino Marco Salvato, impegnato nel campo delle energie rinnovabili e lunedì finito ai domiciliari, comparirà dinanzi al gip di Nocera Inferiore per l’interrogatorio di garanzia. In quella sede potrà fornire chiarimenti e spiegazioni sulle pesanti accuse che gli vengono contestate, come l’istigazione alla corruzione. Otto in tutto gli indagati tra impiegati pubblici, anche un ex dipendente del Tribunale di Nocera Inferiore, oltre a poliziotti e finanzieri. L’indagine si è sviluppata da una precedente attività investigativa concentrata su reati fiscali. Nel momento in cui è comparso il nome dell’imprenditore, la Procura ha scoperto – attraverso una massiccia attività d’intercettazione – l’esistenza di una rete di relazioni che Salvato avrebbe costruito nel tempo, tra i quali un dipendente del tribunale ed esponenti delle forze dell’ordine, per ottenere informazioni coperte da segreto. Il sentore di essere oggetto di indagini penali lo aveva spinto a relazionarsi con più persone, le quali avrebbero potuto fornire informazioni utili a riguardo, anche se coperte da segreto istruttorio. In alcuni casi l’uomo avrebbe ottenuto alcune di quelle informazioni, sulle quali sono in corso ulteriori indagini. In cambio, avrebbe promesso somme di denaro o altre utilità. Promesse che non si sarebbero concretizzate, secondo gli inquirenti, ma i cui passaggi sono stati accertati e messi nero su bianco nell’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip, giorni fa. Le informazioni sarebbero state acquisite da fonti diverse ed avrebbero avuto in comune un unico obiettivo: reperire e recuperare notizie sull’eventuale esistenza di procedimenti penali o provvedimenti giudiziari che riguardavano l’imprenditore. Molte le cose da chiarire nell’indagine a partire da questa mattina davanti al gip del Tribunale nocerino. Così come si cerca chiarezza per il ruolo degli esponenti delle forze dell’ordine iscritti tra gli indagati a piede libero.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->