L’autogol di Donato sul Puc

Scritto da , 7 Marzo 2019
image_pdfimage_print

L’incontro sul Puc organizzato dall’opposizione si trasforma in un boomerang politico per l’opposizione di matrice Pd. Nella fretta di attaccare l’amministrazione in carica su un tema sensibile per l’ambiente come le cave estrattive, i consiglieri del Partito Democratico che siedono all’opposizione , hanno forse dimenticato che per le leggi dello Stato e per le norme regionali, una cava estrattiva può avviare la sua produzione solo se autorizzata dalla Regione Campania.
In pratica Donato attacca la Lanzara, ma paradossalmente i attacca il Governatore Vincenzo De Luca suo mentore politico. Nella fretta, o forse giocando sulla mancanza di conoscenze da parte ei cittadini, in un volantino l’opposizione tenta di far passare l’idea impossibile che una cava estrattiva possa essere riattivata solo grazie ad una concessione urbanistica comunale. Ed invece non è così! Solo se la Regione Campania volesse, qualsiasi cava potrebbe riaprire i battenti e quindi Donato finisce per attaccare Vincenzo De Luca, ammesso che la cava riapra.
“Ma quando mai – chiosa la sindaca Lanzara – Non ho nessuna intenzione di favorire la riapertura di cave. Anzi, nel passato ci fu chi dice di averle blindate ma ha lasciato tutto come era. Io invece le trasformo in parcheggi e verde attrezzato. Alla faccia di chi mente spudoratamente ai cittadini”.
Il problema delle cave sembra ricondursi anche alla sonora sconfitta alle primarie subita dal gruppo donato che con tre uomini fidatissimi, candidati, Faiella, Manzo e Alfano, ha raccolto solo 50 miseri voti. Un risultato che sembra non sia piaciuto per niente al Governatore De Luca. E allora come si fa in questi casi, per distrarre le attenzioni dalla sconfitta si cambia versante e si apre la polemica sulle cave. Ma anche qui Donato “toppa” clamorosamente, facendo innervosire ancor di più il Governatore De Luca l’unico che può dare il via libera alla ripresa di estrazione nelle cave campane. Sembra proprio che ancora una volta si sia persa l’occasione per stare zitti mentre qualche cittadino più attento sui marciapiedi si fa scappare: “Il Puc della Lanzara da questo punto di vista è stato fin troppo magnanimo. Qualche terreno agricolo poteva anche restare tale. Allora si che si parlava con maggiore credibilità delle cave”. Cosa vogliano dire questi cittadini non si capisce bene, ma un dato è certo a Castel San Giorgio Il Governatore De Luca da tutti si sarebbe aspettato di essere tirato in ballo tranne che dal suo fidatissimo Donato. Ma, come spesso avviene, c’è sempre una prima volta.
Felice Di Lemme

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->