Lambiase: «Mare sporco per la pompa del Crescent»

“Disagi per i bagnanti della spiaggia di Santa Teresa a Salerno. Un canale sversa a mare acqua maleodorante”. Da giorni i bagnanti salernitani che si recano lungo la spiaggia di Santa Teresa denunciano la problematica. La voce è arrivata al consigliere di opposizione Gianpaolo Lambiase, che durante la mattinata di ieri è sceso in campo personalmente per verificare la veridicità delle segnalazioni. In una nota infatti chiarisce: “sollecitato da alcuni abitanti del centro storico, mi sono recato in mattinata, sulla spiaggia di Santa Teresa dove ho constatato, che poco lontano dal chiosco, un canale, intubato a monte sotto la pavimentazione dei giardini del lungomare, sversa a mare, mista a rifiuti, continuamente un rigagnolo di acqua sporca e maleodorante. Ho raccolto le proteste dei bagnanti e ho chiamato immediatamente gli uffici competenti del Comune”. Sempre durante la mattinata di ieri poi Gianpaolo Lambiase è stato raggiunto sul posto dal tecnico addetto all’ufficio fogne e dall’assessore all’Ambiente Angelo Caramanno. L’assessore e il consigliere Lambiase hanno appreso che il rigagnolo è alimentato da una “pompa” che aspira acqua da una falda sottoposta al cantiere del Crescent, e quasi sicuramente da scarichi del collettore fognario a monte, che non regge il “troppo pieno” della rete fognaria del centro storico. Lambiase ha dichiarato: “le condizioni igieniche del luogo non sono idonee ad accogliere i bagnanti. Al di là del divieto di balneazione, c’è pericolo per la salute pubblica, anche per chi sosta nei pressi del canale. “Sono sicuro che l’assessore Caramanno, che sollecitamente ha voluto rendersi conto di persona dell’inconveniente lamentato, si impegnerà a risolvere rapidamente il problema. Rimane la questione più generale della rete fognaria sul territorio comunale che è inadeguata alle esigenze della popolazione” ha poi sottolineato. Ma arriva subito il chiarimento dalla Rcm: “L’acqua di falda è pulita, del resto nel Crescent non si producono acque fognarie, visto che non vi abita nessuno, e comunque, come da autorizzazione da parte dell’ autorità di ambito Sele va direttamente in fogna. Il problema semmai è la tenuta del sistema fognario e, quindi eventuali malfunzionamenti”. Intanto l’assessore Angelo Caramanno ribadisce la volontà dell’impegno da parte dell’amministrazione comunale di andare a fondo del problema per verificarne eventuali disagi ai cittadini e di conseguenza risolvere al più presto la questione.