La seduta operatoria sospesa a causa di urgenza in reparto

Scritto da , 8 Giugno 2021
image_pdfimage_print

L’ultimo fatto accaduto all’ospedale di Cava dei Tirreni impone un’immediata riorganizzazione delle attività per mettere in sicurezza i pazienti. La sospensione di una seduta operatoria a causa di una urgenza nel reparto di medicina che ha costretto i medici a dover intubare una paziente dà il senso dell’attuale situazione ovvero che senza una adeguata ed imminente riorganizzazione e potenziamento della struttura cavese l’attuale condizione da critica diventerà tragica. “E’ mai possibile – sostiene il delegato della CISL FP Gaetano  Biondino – che si possa assistere che da alcuni giorni la Terapia Intensiva Covid del Da Procida chiusa, senza pazienti, con personale che non ha nessuno a cui fornire cure non venga riorganizzata , nel mentre  a Cava si ha la necessità di riaprire la Rianimazione e nessuno si decide a far rientrare nell’ordinaria gestione delle attività il plesso ospedaliero rideterminando il ripristino a pieno delle attività e il potenziamento della struttura attraverso un potenziamento dell’attuale dotazione organica?  E’ un ennesima mancata attenzione verso l’Ospedale e la cittadinanza di Cava e di tutta la provincia di salerno”. La verità è che l’ente ha predisposto un piano di riorganizzazione che prevede attraverso trasferimenti interni la ricollocazione del personale e il potenziamento di tutte le strutture e i servizi dei vari stabilimenti che sono in sofferenza per carenza di organico, ma quello che chiede il delegato è una pronta attivazione della programmazione poiché a breve tutti i limiti e le difficoltà nella gestione ordinaria e di elezione delle attività verranno al pettine, a mano a mano che la nebbia dell’emergenza che le ha nascoste si diraderà e le mettere in luce. Saremo costretti a dover gestire la emergenza dell’ordinarietà – conclude Biondino – e ci accorgeremo che l’attuale dotazione organica rideterminata con reclutamenti eccezionali è comunque sottostimata rispetto alle reali e concrete esigenze assistenziali.

Consiglia

Lascia un commento

Puoi eseguire il login con Facebook

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per completare inserire risultato e prosegui * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->