La Salernitana rompe l’incatesimo, Donnarumma mette ko il Novara

Scritto da , 15 novembre 2015
image_pdfimage_print

di Marco De Martino

SALERNO. Una rete di Donnarumma a metà ripresa consente alla Salernitana di battere il Novara e conquistare i tre punti dopo quasi due mesi. Una vittoria che consente ai granata di respirare in classifica e guardare con maggiore serenità al futuro.

La Salernitana come spesso accade parte bene  ma non riesce a creare opportunità. La prima capita al 15’ quando Bovo, di piatto destro su cross di Colombo, angola troppo il tiro e la palla finisce fuori. La partita è però molto tattica e ristagna a centrocampo senza che le due squadre riescano a creare azioni degne di nota. Ne scaturisce una gara brutta, senza sussulti e con nessuno squillo. Ci prova solo Gabionetta al 43’ con una mezza girata dal centro dell’area di rigore dopo un cross di Rossi, ma il pallone si spegne fuori.

La seconda frazione si apre con l’ingresso di Troianiello al posto di Milinkovic ma il risultato non cambia. Per vedere di nuovo i granata affacciarsi dalle parti di Da Costa bisogna attendere il 59’, quando Gabionetta di testa, ben servito da Moro su punizione, impegna il portiere del Novara. L’occasione più ghiotta però capita al 63’ al Novara con il neo entrato Corazza che, liberato da un tiro sbilenco di Casarini, si ritrova a tu per tu con Terracciano ma calcia incredibilmente alto. Scampato il pericolo la Salernitana si rioganizza e trova il vantaggio. Al 67’ Odjer strappa un pallone ad un avversario e crossa alla perfezione sul primo palo per l’accorrente Donnarumma, da poco entrato per Moro, che di testa firma l’1-0 e fa esplodere l’Arechi. Il Novara tenta di reagire con il neo entrato Galabinov che al 73’ approfitta di una mancata uscita di Terracciano e di testa sfiora il palo. A questo punto Torrente si copre, inserendo Lanzaro al posto di Coda e passando al 5-3-2. All’88’ Terracciano si erge a protagonista compiendo un doppio miracolo prima su un bolide di Viola e poi sulla ribattuta a botta sicura di Galabinov. Fino al 93’ è solo sofferenza, poi esplode l’urlo liberatorio dell’Arechi: la Salernitana rompe l’incantesimo e conquista la vittoria dopo sette giornate. Finalmente i granata respirano.

SALERNITANA-NOVARA 1-0

SALERNITANA (4-3-3): Terracciano; Colombo, Empereur, Bernardini, Rossi; Odjer, Moro (66’ Donnarumma), Bovo; Gabionetta, Coda (74’ Lanzaro), Milinkovic (46’ Troianiello). A disp.: Ronchi, Franco, Pollace, Sciaudone, Pestrin, Perrulli. All.: Torrente

NOVARA (4-2-3-1): Da Costa; Dickmann, Poli, Troest, Faraoni; Casarini (71’ Galabinov), Viola; Manconi (61’ Corazza), Gonzalez, Faragò (83’ Signori); Evacuo. A disp.: Tozzo, Ludi, Vicari, Adorjan, Buzzegoli, Pesce. All.: Baroni

ARBITRO: Di Paolo di Avezzano (Baccini-Del Giovane. IV uomo: Morreale)

MARCATORI: 67’ Donnarumma

NOTE: Spettatori paganti 8382. Ammoniti Viola, Bernardini, Moro, Manconi, Gabionetta, Dickmann, Signori. Espulso all’89’ Torrente per proteste. Recuperi 0′ e 3′

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->