La Salernitana chiude la stagione battendo il Teramo

Scritto da , 21 Maggio 2015
image_pdfimage_print

di Marco De Martino

SALERNO. La Salernitana chiude la stagione con una vittoria battendo 3-1 il Teramo in un Arechi zuppo di  pioggia e per pochi, coraggiosissimi, intimi. A segno Gabionetta e, dopo il momentaneo pareggio di Fiore, Cristea e Lanzaro. Con questo successo i granata sperano ancora nella vittoria della Supercoppa che passa necessariamente dalla vittoria del Teramo, con non più di due gol di scarto, domenica prossima sul Novara.

LA CRONACA Pronti via e dopo trenta secondi Gabionetta sfrutta un lancio dalle retrovie, infila in velocità la difesa abruzzese ed in diagonale batte Narduzzo. Dopo alcuni timidi tentativi del Teramo è ancora la Salernitana, con Calil, ad andare vicina al gol ma la conclusione mancina del brasiliano dopo un pregevole palleggio termina di poco fuori. Cinque minuti più tardi primo squillo di Lapadula che su punizione impegna severamente Russo. Al 35’ scene già viste all’Arechi: Gabionetta viene atterrato in area da Masullo, l’arbitro decreta il rigore e Cristea chiede di batterlo. Pestrin ordina che a batterlo sia Calil ed il rumeno manda a quel paese il suo capitano. Dal dischetto così va il brasiliano che si fa parare il tiro da Narduzzo e poi a porta vuota manda la palla incredibilmente in curva. Poco dopo uno scatenato Gabionetta brucia in velocità Perrotta e prova il pallonetto da antologia che per poco non beffa Narduzzo, con la palla che termina di poco alta. Gol mancato e gol subito: la legge più inesorabile del calcio colpisce la Salernitana al 41’. Fiore raccoglie al limite una corta respinta della difesa granata e con un sinistro non irresistibile batte un incerto Russo.

La ripresa si apre in fotocopia al primo tempo: al 48’ percussione di Bovo che serve Cristea, il quale con un colpo da biliardo supera Narduzzo e riporta avanti la Salernitana. Il Teramo si scuote ed al 61’ ci prova con Donnarumma ma la sua conclusione a girare dal limite termina di poco alta sulla traversa. Un minuto dopo ancora un positivo Bovo serve Calil che di destro impegna severamente Narduzzo. Dal corner successivo Lanzaro salta più in alto di tutti e firma il tris. La Salernitana a questo punto potrebbe dilagare ma Bovo non riesce a realizzare il poker quando a tu per tu con Narduzzo dopo un assist di Gabionetta centra la traversa con un delizioso pallonetto. Nonostante i tentativi il risultato non cambia più e i granata possono chiudere in bellezza una stagione straordinaria.

 

 

 

SALERNITANA-TERAMO 3-1

SALERNITANA (4-3-3): Russo; Grillo (58’ Bianchi), Lanzaro, Bocchetti, Franco; Bovo, Pestrin, Favasuli; Gabionetta (77’ Perrulli), Cristea (90’ Cappiello), Calil. A disp.: Gori, Penta, Tagliavacche, Dragonetti. All.: Menichini

TERAMO (5-3-2): Narduzzo; Brugaletta (78’ Di Paolantonio), Diakite, Speranza, Perrotta, Masullo (58’ Di Matteo); Fiore, Cenciarelli (66’ Petrella), Amadio; Donnarumma, Lapadula. A disp.: Tonti, Caidi, Scipioni, Bucchi. All.: Vivarini

ARBITRO: Caso di Verona

MARCATORI: 1’ Gabionetta, 41’ Fiore, 48’ Cristea, 62’ Lanzaro

NOTE: Serata piovosa, spettatori 1785. Al 35’ Calil fallisce un calcio di rigore. Ammoniti Bocchetti, Amadio. Recuperi 0’ e 4′

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->