La Ricetta del Nutrizionista: Quando la carota era viola

Scritto da , 28 Agosto 2020
image_pdfimage_print

Il colore sarebbe stato cambiato in arancione dagli orticoltori olandesi, in onore dell’allora dinastia regnante: gli Orange. Una delle proprietà più conosciute e apprezzate sin dall’antichità è quella di proteggere la pelle dai raggi del sole, prevenire le scottature solari nei soggetti con pelli sensibili.

Di ANGELO PERSICO

La carota è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Apiaceae e il suo nome deriva dal greco karotòn. Questo ortaggio, oggi conosciuto e apprezzato per il suo caratteristico color arancione vivo, anticamente era viola! Il suo colore originale rosso-violaceo, di cui ancora esistono delle varietà locali e di cui si è attuato un recupero, sarebbe stato cambiato in arancione dagli orticoltori olandesi, in onore dell’allora dinastia regnante: gli Orange. La parte edibile di questa pianta è la sua radice, la cui lunghezza può variare da 3 a 20 cm, sebbene esistano varietà “giganti” che sfiorano i 90 cm.  Dal punto di vista nutrizionale la carota rappresenta una vera e propria miniera di proprietà e, per questo come nutrizionista, mi trovo, spesso e volentieri, a inserirla in dieta.  Essa contiene minerali preziosi come: ferro, magnesio, calcio, rame e zinco. Fra le vitamine spiccano: vitamina B e C, ma soprattutto carotenoidi (pro-vitamina A). È infatti fra tutti, il vegetale a detenere la più alta concentrazione di beta-carotene che poi verrà trasformato nella sua forma attiva (vitamina A) dal nostro organismo in caso di bisogno. Non a caso il beta-carotene, deve il suo nome allo scienziato Wackenroder che per primo la isolò, proprio dalla radice della carota.  Una delle proprietà più conosciute e apprezzate sin dall’antichità del beta-carotene è quella di proteggere la pelle dai raggi del sole e quindi previene le scottature solari nei soggetti con pelli sensibili. Il carotene è inoltre un pigmento naturale, responsabile del colore giallo-arancione della carota e viene utilizzato dopo estrazione come colorante naturale nell’industria agro-alimentare (E160). Oggi proponiamo un centrifugato di carote, ideale per fissare l’abbronzatura. (Di seguito la ricetta. Ingredienti per 2 persone). 1) Porre i seguenti ingredienti nella centrifuga: 3 carote (circa 250 g) 1 pesca (polpa pulita), 100 g di melone e 100 g di mango. Azionare la centrifuga. 2) Disporre il nostro centrifugato in un bicchiere con ghiaccio e servire fresco, preferibilmente come spuntino del mattino o del pomeriggio.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->