La Regione ha detto sì, ecco le Itia

Scritto da , 3 Marzo 2019
image_pdfimage_print

di Andrea Bignardi

l’occupazione del territorio dei Monti Picentini. Partirà a breve infatti il programma per le Itia, Intese Territoriali di Inclusione Attiva. La Regione Campania ha infatti approvato nella giornata di ieri la proposta progettuale relativa a tale tematica presentata dal Comune di Pontecagnano Faiano, capofila dell’ambito di zona S4. Per la durata di 30 mesi saranno implementati nel territorio comunale laboratori d’impresa, finalizzati allo sviluppo della cultura imprenditoriale e dell’auto impiego, unitamente a stage presso aziende della zona per l’introduzione o la reintroduzione nel mercato del lavoro di risorse attualmente prive di prospettive occupazionali. Secondo quanto annunciato dal primo cittadino Lanzara, tale progetto sarà fondato su una sinergia tra scuole, famiglie ed imprese del territorio, e sarà preceduto da una campagna di sensibilizzazione degli utenti interessati. La Coordinatrice dell’Ufficio di Piano che ha proposto la presentazione del progetto Itia, la dottoressa Giovanna Martucciello, ha espresso «piena soddisfazione per il risultato conseguito», sottolineando «la capacità del sistema sociale locale, nelle sue dimensioni istituzionali, tecniche e sociali, di cogliere tutte le opportunità». Soddisfazione per l’avvio delle intese territoriali di inclusione attiva è stata anche espressa dall’assessore alle politiche sociali della cittadina picentina Paola Manzo, che ha commentato il positivo riscontro progettuale: «La forza di un territorio sta nella sua capacità di elevare gli standard culturali nei processi di sviluppo locale – ha dichiarato l’assessore Manzo – A questa finalità preminente tendono le sinergie istituzionali e sociali intraprese, con il diretto coinvolgimento del mondo del lavoro, dell’impresa e della scuola». Il Sindaco del Comune di Pontecagnano Faiano, Giuseppe Lanzara, in merito all’avvio della fase operativa del programma, ha infine aggiunto: «Il progetto prevede la realizzazione del Centro Territoriale Picentini-Sele: sarà uno spazio di elaborazione ed attuazione di iniziative economico-sociali e culturali ad opera di molteplici componenti delle comunità locali. A partire dal Programma Intese Territoriali di Inclusione Attiva, implementiamo una risorsa progettuale nella forma di laboratorio permanente dei servizi, delle azioni e delle idee, e soprattutto manteniamo la promessa di essere fisicamente vicini alle persone più svantaggiate e vulnerabili». A rivendicare il successo di tale iniziativa progettuale, oltre ai rappresentanti della maggioranza che si è insediata nell’assise comunale pontecagnanese nel giugno dello scorso anno, è stato anche il capogruppo dei Moderati – Forza Italia Francesco Pastore, che nel corso della scorsa consiliatura ha ricoperto il ruolo di assessore alle politiche sociali nella giunta guidata da Ernesto Sica. Il consigliere azzurro ha tuttavia usato toni concilianti nei confronti dell’esecutivo comunale dopo le vivacissime polemiche susseguitesi nei giorni scorsi in seguito alla nomina di un ex candidato nelle liste collegate all’attuale sindaco Lanzara a capogabinetto dell’ente municipale. «Sono felice che il lavoro che ho svolto come assessore alle politiche sociali produca risultati e mi fa piacere che l’assessore Paola Manzo sia in continuità con quanto ho fatto – ha dichiarato Francesco Pastore – A lei confermo pubblicamente la mia disponibilità per lavorare nell’interesse della comunità. C’è bisogno di aumentare i servizi e dare forma ad un nuovo sistema di welfare locale. Il piano sociale di zona è una risorsa assoluta per questa città».

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->