La gelosia alla base della rissa tra minori a Prepezzano di Giffoni Sei Casali

Scritto da , 28 Luglio 2021
image_pdfimage_print

di Pina Ferro

Una ragazza e la gelosia alla base della violenta rissa consumatasi a Prepezzano di Giffoni Sei Casali che ha portato la Procura presso il tribunale per i minori all’emissione di 11 misure cautelari a carico di altrettanti ragazzi. I destinatari del provvedimenti hanno tutti un’età compresa tra i 14 ed i 17 anni. Per nove di loro si sono aperte le porte di alcuni centri di accoglienza della regione Campania. Le indagini, avviate dalle forze dell’ordine e coordinate dalla Procura presso il tribunale per i minori, sono state avviate nei minuti immediatamente successivi alla violenta aggressione che ha procurato dei danni permanenti ad uno dei ragazzi feriti. Quando i giovani si sono resi conto che gli inquirenti stavano stringendo il cerchio hanno tentato, in un gesto disperato, di eliminare le tracce di un loro coinvolgimento nell’accaduto cancellando tutte le conversazioni presenti su alcuni cellulari. Gesto che si è rivelato inutile. Gli inquirenti, attraverso l’ analisi delle conversazioni telefoniche hanno individuato due gruppi contrapposti facenti capo a due minori. Gruppi che si sono fronteggiati a causa di una relaz ione con una ragazza, fidanzata con uno dei vertici di uno dei due gruppi e che, a seguito di una lite con questi, aveva utilizzato un minore per farlo ingelosire. Tale circostanza è emersa in maniera chiara, tra l ‘ altro, dalle informazioni rese da una ragazza che, sentita nell’ immediatezza dei fatti, affermato di essere in contatto con la ex in questione. La ragazza nel frattempo era ritornata con il suo ex. Ma alla base vi erano motivi di gelosia. E che la gelosia sia stata alla base di quanto accaduto è stato confermato anche dall’ analisi delle conversazione reperite sui telefoni cellulari. Le conversazioni ritrovate sui telefoni cellulari, malgrado il tentativo di alcuni indagati di cancellarle, ovvero il tentativo di non far sottoporre a sequestro il telefono rende, assolutamente certi ruoli, partecipazioni e atti preparatori.E sempre seguendo le tracce dei telefoni cellulari degli indagati è emerso che l’ analisi delle celle telefoniche che sono operative sul posto ove si e svolta la rissa , agganciate nel lasso di tempo in cui si svolge la stessa, pone gli indagati presenti sul luogo. Fra… stasera alle nave e mezza ci dobbiamo vedere a Vignano (localita dell’appuntamento dove si sono verificati i fatti) Fra.. devi convincere E. a farmi accompagnare a Vignano stasera Se non chiov snnim po menz ( se non piove scendiamo col motorino) Eh ..ok Nn t preoccupo.. – procc/ ( bastone) a teng .. Po sott a sell teng 3 rungin (roncole) e n· accett ( scia) {non ti preoccupare ii bastone lo tengo, poi sotto la selJa ho tre roncole e un’ascia) J Js i: . . . Aha haha he che. teng bisogn ra procol … 2 n teng Uno dei minori, scrive il procuratore “come si vede, non solo recepisce pienamente l ‘ invito dell ‘ amico T isi, ma dichiara anche la sua disponibilità a portare le indicate armi”. I ragazzi fanno un giro di messaggi per accordarsi per la sera. “tutti i soggetti contattati hanno la piena consapevolezza di cosa andranno a fare e anche qua le sarà il livello della contesa tenendo canto dei riferimenti agli oggetti atti ad offendere che in tendo no portare con loro”. Nell’intera vicenda sono coinvolti anche dei maggiorenni la cui posizione è stata stralciata e per i quali procederà con un fascicolo a parte il tribunale ordinario.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->