Invitati a cena, tentano di abusare di una 12enne

Mangiano e bevono insieme, poi tentato di abusare della figlia 12enne del padrone di casa. L’uomo quando si è accorto delle vere intenzioni dei ospiti, due cittadini marocchini, a cui aveva aperto le porte di casa sua non ha esitato a scagliarsi contro i due. Uno di questi ha tirato fuori dalla tasca un coltello e ferito più volte di striscio l’uomo. E’ accaduto lunedì sera, poco dopo le 19, in un campo rom di via Magellano a Pontecagnano Faiano. Protagonisti della squallida vicenda due cittadini marocchini ed uno zingaro rom quasi vicini di casa. I tre abitano a distanza di circa 200 metri. Ora sull’accaduto sono in corso indagini da parte dei carabinieri di Pontecagnano e della compagnia di Battipaglia che sono intervenuti a seguito della segnalazione di una rissa in corso. Il rom aveva invitato a cena i due magrebini questi dopo aver mangiato e bevuto, approfittando di un attimo di distrazione del padrone di casa hanno tentato di abusare della figlia di quest’ultimo, una dodicenne. La ragazzina ha provato a ribellarsi, ma inutilmente. I vestiti strappati della bimba hanno fatto scatenare la rabbia del padre che ha inveito contro i due ai quali aveva dato ospitalità. I magrebini di fronte alla reazione del rom non si sono affatto spaventati, anzi uno di essi ha tirato fuori dalla tasca una lama ed ha colpito il genitore ferendolo di striscio. Le urla della dodicenne e quelle dell’uomo ferito hanno messo in fuga i due “ospiti”. In via Magellano è intervenuta un’ambulanza del Vopi, allertata dai vicini, e la gazzella dei carabinieri. Padre e figlia sono stati trasportati al pronto soccorso del Ruggi per le cure del caso. La 12enne era iun forte stato di choc.E’ stato il personale del Vopi a rincuorare la giovane che era molto spaventata sia per quanto stava subendo che per le condizioni del papà. Pare, comunque che per i due non sia stato necessario il ricovero ospedaliero. Sno in corso indagini da parte dei carabinieri che stanno cercando di ricostruire l’intera vicenda e fare piena luce sulla tentata violenza. Al momento sembra che non siano stati emessi provvedimenti a carico dei due magrebini. Intanto sia in via Magellano che su tutto il territorio comunale di Pontecagnano vi è rabbia per quanto accaduto. In tanti stanno alzando la voce chiedendo maggiore sicurezza e più controlli da parte delle forze dell’ordine. Indice puntato contro il gran numero di stranieri presenti nella nostra provincia. Pina Ferro